spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Ricette all’italiana” (Rete 4) ha iniziato da Greve. Si prosegue domani e sabato

    CHIANTI – Si è iniziato oggi da Greve in Chianti (clicca qui per vedere il video), si proseguirà domani (29 novembre) e sabato (30 novembre) da altri luoghi del territorio del Chianti Classico.

     

    "Ricette all'italiana", in programma di Rete 4 condotto da Davide Mengacci e Michela Coppa (in onda alle 10.50 circa), rimarrà infatti per altri due giorni nel nostro splendido territorio.

     

    Si è iniziato come detto oggi, in piazza Matteotti a Greve in Chianti, con Mengacci accompagnato dal calesse di Luciano Vienni e accolto dal sindaco Alberto Bencistà.

     

    Si è parlato di storia, di Giovanni Da Verrazzano, dei 490 anni (il prossimo) dal suo viaggio verso l'America, del Gallo Nero (assieme al presidente del Consorzio Vino Chianti Classico Sergio Zingarelli).

     

    E ancora a Greve con Rossella Rossi del ristorante "Da Verrazzano" che ha preparato lo Stracotto di Caterina de' Medici….

     

    Insomma, una puntata tutta incentrata sul nostro territorio, sulla sua cucina, sul suo grande vino e sui suoi personaggi. E domani e sabato si replica.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...