spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Interventi del Consorzio di Bonifica lungo la Greve, l’Ema e altri torrenti minori

    CHIANTI FIORENTINO – Come a casa, anche sui fiumi i lavori di ristrutturazione si fanno, preferibilmente d’estate, con la bella stagione.

     

    E anche se quest’estate non è stata poi una gran bella stagione il Consorzio di Bonifica del Medio Valdarno ha comunque portato avanti una campagna di ripristino di varie opere murarie, in particolare spallette di ponti, muri di sponda e traverse fluviali, localizzati lungo la Greve, l’Ema e altri corsi d’acqua minori del Chianti fiorentino.

     

    Tutti lavori attesi da tempo, individuati grazie alla quotidiana azione di monitoraggio dello stato dei fiumi operato dal Consorzio o segnalati da enti locali, associazioni o privati cittadini. Verificato effettivamente il pessimo stato di conservazione-efficienza delle strutture il Consorzio ha pensato di raggruppare in un unico progetto, diversi interventi.

     

    In particolare: sulla Greve a Piano di Montagliari; sul torrente Ema a Grassina; sul torrente Ema a San Polo in Chianti; sul torrente Grassina a Grassina

     

    “Si tratta di medio-piccoli interventi attesi da tempo dalla cittadinanza realizzati prima dell’arrivo delle piogge per consolidare antichi muri in progressivo stato di abbandono – commenta il presidente Marco Bottino – il Consorzio serve anche a questo, ad effettuare quelle manutenzioni lungo i fiumi, che una volta facevano i contadini del luogo e di cui oggi, purtroppo, nessuno più si occuperebbe”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...