spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I macellai di Firenze e provincia per Ant: sabato 16 marzo una spesa speciale

    Molti i "beccai" aderenti anche nel Chianti fiorentino: la lista. Da Grassina a San Casciano, da Greve all'Impruneta

    CHIANTI FIORENTINO – Sabato 16 marzo si svolgerà, in 54 macellerie di Firenze e area metropolitana, una giornata di solidarietà a favore di Fondazione ANT.

     

    “Partecipa insieme al tuo macellaio e compirai un grande gesto di solidarietà, il tuo macellaio è garanzia di qualità. Ti puoi fidare”, è l’invito alla dodicesima edizione della Giornata dei Macellai-Ant 2019.

     

    La manifestazione intende coniugare alcune delle eccellenze del territorio fiorentino: da un lato due associazioni di categoria – Associazione Macellai-Cesec di Firenze e provincia e Agiva Federcarni del Valdarno – dall’altro Fondazione Ant, che porta assistenza specialistica gratuita a casa dei malati di tumore e offre progetti di prevenzione oncologica sempre gratuiti.

     

    Come per le passate edizioni, anche quest’anno tutti coloro che si recheranno in uno degli esercizi aderenti alla manifestazione – riconoscibili dal manifesto dell’evento e consultabili sul sito ant.it/toscana – potranno donare una parte del ricavato della giornata a Fondazione Ant. L’evento gode del patrocinio del Comune di Firenze.

     

    Un sincero ringraziamento è stato espresso da Simone Martini, delegato fiorentino di Ant, alle Associazioni dei macellai di Firenze e provincia e a tutti i macellai partecipanti: ”Siamo fieri che le due principali e storiche associazioni di categoria fiorentine del settore carne abbiano rinnovato il loro impegno in nostro favore. Quello dei macellai è una nobile professione che a Firenze gode di una antica tradizione e le cui origini sono strettamente collegate a quelle della città. Voglio ringraziare personalmente le 54 botteghe che anche in tempo di crisi non hanno voluto mancare a questa straordinaria iniziativa benefica e continuano nel tempo a sostenere i progetti di Fondazione Ant sul territorio fiorentino”.

     

    “Sono ormai diversi anni che i macellai fiorentini – rilancia Vasco Tacconi, grassinese, Gran Maestro dell’arte dei Beccai fiorentini e storica figura dell’associazione macellai – sostengono con grande impegno Fondazione Ant".

     

    "Siamo molto orgogliosi di aver contribuito – prosegue – a sostenere il lavoro che Ant svolge quotidianamente a favore dei tanti sofferenti affetti da tumore”.

     

    “Siamo felici e onorati di aver potuto aiutare in tutti questi anni il prezioso lavoro di Ant conclude Enrico Vannini presidente dell’Associazione Agiva Federcarni Valdarno – e auguriamo che possano continuare con la stessa efficienza e dedizione di sempre”.

     

    Tutti i fondi raccolti saranno devoluti a sostegno delle attività che Ant svolge a Firenze, Prato e Pistoia. La struttura sanitaria di Ant nella regione Toscana è composta da 10 medici, 6 infermieri e 4 psicologhe.

     

    Molti i "beccai" aderenti anche nei comuni del Chianti fiorentino. Ecco la lista.

     

    Fratelli Tacconi, Grassina

     

    Fabio Frittelli, Bardella, San Casciano

     

    Gino Pecci, San Casciano

     

    Dario Secci, San Casciano

     

    Adriano Nesi, San Casciano

     

    Andrea Tassini, Impruneta

     

    Simone Nannicini, Impruneta

     

    Emiliano Parti, San Donato in Poggio, Barberino Tavarnelle

     

    Enzo Francini, Sambuca, Barberino Tavarnelle

     

    Paolo Fagotti, Greve in Chianti

     

    Giovambattista Fabiani, Greve in Chianti

     

    Mario Ceccatelli, Greve in Chianti

     

    Renzo Checcucci, Panzano, Greve in Chianti

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...