spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 13 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Clima e ambiente. Lo sciopero in massa delle scuole del Chianti fiorentino

    Venerdì 15 marzo centinaia in piazza a Barberino Tavarnelle, Greve, San Casciano

    CHIANTI FIORENTINO – Saranno centinaia gli studenti delle scuole del Chianti fiorentino, di vario ordine e grado, che venerdì 15 marzo dalle ore 10, affolleranno le piazze dei Comuni di Barberino Tavarnelle, Greve, San Casciano per scioperare contro i cambiamenti climatici.

     

    Ispirati dall'azione dirompente di una sedicenne che ha scosso il mondo, quella di Greta Thunberg, i bambini e i ragazzi delle scuole primarie e delle scuole secondarie di primo grado del Chianti fiorentino si uniranno alla voce dell'adolescente svedese nella lotta per salvare l'ambiente richiamando l'attenzione pubblica sul tema dello sviluppo sostenibile.

     

    Marce per le vie, presidi nelle piazze e riflessioni condivise con gli adulti, amministratori comunali, esperti e cittadini. I ragazzi saranno anche protagonisti di performances, campagne di sensibilizzazione e flash mob. "Il mondo è in pericolo ed è necessario salvarlo”.

     

    È così che gli studenti dell'Istituto comprensivo Don Milani di Barberino Tavarnelle, dell'Istituto comprensivo di Greve in Chianti e dell'Istituto comprensivo il Principe di San Casciano, hanno scelto di aderire alla manifestazione Friday for future e dimostrare il loro impegno contro la crisi climatica e il riscaldamento globale.

     

    Immagine correlata

     

    LE MANIFESTAZIONI PIAZZA PER PIAZZA

     

    A San Casciano, l’Ippolito Nievo partirà alle ore 10 dalla sede della scuola (via della Libertà) e darà vita ad un consistente corteo di studenti diretto ai giardini di piazza della Repubblica. La manifestazione farà tappa in via Machiavelli, di fronte al palazzo comunale, per confrontarsi con l’assessore all’ambiente Consuelo Cavallini. L’iniziativa è curata dalla professoressa Ursula Dollfus.

     

    A Greve in Chianti lo sciopero per il clima si moltiplicherà contemporaneamente in piazza Matteotti e nei plessi di Panzano, San Polo e Strada con la partecipazione attiva di centinaia di bambini e ragazzi delle primarie e della secondaria.

     

    Dalle ore 11 gli allievi illustreranno in piazza Matteotti le loro considerazioni al sindaco Paolo Sottani e all’assessore Maria Grazia Esposito, successivamente incontreranno alcuni esperti presso la casa del popolo di Greve dove è prevista anche la proiezione del documentario diretto da Leonardo Di Caprio "Punto di non ritorno – Before the Flood".

     

    Nel comune di Barberino Tavarnelle la creatività e l’attenzione alle tematiche ambientali di una classe della secondaria Il Passignano hanno trascinato decine di studenti della media e di altri plessi del territorio, tra cui le primarie di Barberino, Tavarnelle e San Donato.

     

    I ragazzi, coordinati dagli insegnanti Priscilla Pieralli e Giovanni Pinto (nella foto in alto), hanno messo in piedi un vero e proprio gruppo di lavoro che da diverse settimane si occupa di ambiente, declinando la materia di studio sul fronte della sostenibilità e della conoscenza delle problematiche globali, attraverso un approccio multidisciplinare e partecipativo.

     

    Gli studenti "incroceranno i grembiuli" dalle ore 10 con l‘obiettivo di sensibilizzare la comunità sui cambiamenti climatici.

     

    Parleranno per motti “Il mondo è nostro” e hashtag, #salviamoci, marceranno dal piazzale Allende a piazza Matteotti dove saranno allestiti cartelloni, campagne di informazione, flashmob e interventi animati da pennellate di colore su lenzuoli bianchi, per firmare il proprio impegno a favore dell’ambiente, ed esibizioni musicali.

     

     

    “Chiederemo agli adulti – dicono gli studenti – di agire concretamente prima che sia troppo tardi e presenteremo alcune nostre proposte come l’adesione alla campagna nazionale Rifiuti zero e il potenziamento della raccolta differenziata, ognuno di noi può e deve contribuire per ridurre i rifiuti e migliorare la vita dell’ambiente in cui noi stessi cresciamo, non è solo una forma di rispetto per la natura ma un importante contributo per la pace nel mondo”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...