spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La riduzione si applica se il pagamento viene effettuato entro cinque giorni dalla contestazione

    E' entrato in vigore  dal 21 agosto lo sconto del 30% per chi paga una sanzione pecuniaria, prevista dal Codice della Strada, entro cinque giorni dalla contestazione o dalla notifica del verbale. È stata, infatti, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Legge di conversione del D. L. 21 giugno 2013, n. 69, più conosciuto come “decreto del fare”, che modifica e integra l’articolo 202 del Codice della Strada.

     

    Le novità introdotte sono molteplici e si declinano in modo diverso in base ai casi. Se la contestazione della sanzione è immediata, il verbale viene rilasciato direttamente al cittadino dalla pattuglia della Polizia Stradale; in questo caso nel verbale sarà indicato l’ammontare della somma già ridotta del 30%, da pagare entro cinque giorni.

     

    Allo stesso tempo, verrà rilasciato un foglio contenente le istruzioni per effettuare il pagamento ridotto in modo corretto. Nel caso in cui il verbale venga notificato presso il domicilio, come accade per quelle violazioni accertate tramite dispositivi elettronici, il cittadino avrà la possibilità di pagare la sanzione con lo sconto del 30% entro cinque giorni dalla data della notificazione stessa del verbale.

     

    Per i verbali redatti dalla Polizia Stradale il pagamento ridotto del 30% potrà essere effettuato: in contanti presso la Sezione Polizia Stradale che ha emesso il verbale; con versamento tramite bollettino postale in bianco (mod. 123), reperibile presso gli sportelli degli uffici postali, sul corrente postale intestato alla medesima Sezione; mediante pagamento on line tramite il portale www.poste.it.

     

    Il pagamento con lo sconto del 30%, se effettuato correttamente, estingue la sanzione, per questo, non sarà poi possibile impugnare il verbale presentando il ricorso al Giudice di Pace o al Prefetto. La riduzione, tuttavia, non è applicabile a coloro i quali abbiano violato una norma per cui è prevista la confisca del veicolo o la sospensione della patente.

     

    Nei casi dubbi è sempre buona regola contattare e chiedere conferma al Reparto di Polizia Stradale che ha redatto il verbale.Per rispondere alle informazioni degli utenti, il Compartimento Polizia Stradale per la Toscana ha messo a disposizione del pubblico il numero dedicato 055-5068264, attivo dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17 ed il sabato dalle 9 alle 12. E’ possibile, inoltre, per avere chiarimenti, scrivere all’indirizzo email del Compartimento Polizia Stradale per la Toscana: polstradacomp.fi@poliziadistato.it.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...