mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    Società della Salute Firenze Sud-Est: Simone Naldoni è il nuovo direttore

    Cinquantasei anni, fiorentino, Naldoni entrerà in carica dal prossimo 1 marzo: per sei anni è stato anche presidente della SDS Area Fiorentina Nord Ovest

    CHIANTI FIORENTINO – Simone Naldoni è il nuovo direttore della Società della Salute Fiorentina Sud-Est.

    Ieri la nomina ufficiale da parte del presidente della SdS Francesco Casini su proposta della giunta esecutiva dell’ente e con l’accordo unanime di tutti i sindaci e del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, che ha espresso parere favorevole.

    Cinquantasei anni, fiorentino, Naldoni entrerà in carica dal prossimo 1 marzo. Il suo rapporto con la Sds avrà la durata di tre anni, fino al 2024.

    Il neo direttore ha maturato un’ampia esperienza lavorativa nel settore socio-sanitario prestando a lungo servizio presso Federsanità Anci, dove è stato coordinatore dei progetti socio-sanitari e referente per la governance istituzionale. 

    Dal 2016 al 2017, aveva preso parte alla programmazione territoriale sociale per la Regione Calabria.

    Dal 2006 al 2010 è stato membro del Cda dell’Agenzia regionale di Sanità della Toscana (Ars). Di rilievo anche l’esperienza istituzionale del neo-direttore, consigliere regionale della Toscana dal 2013 al 2015, e dal 2001 al 2010 assessore ai servizi sociali e alla sanità per il Comune di Scandicci.

    Dal 2004, per sei anni, Naldoni era stato presidente della Società della Salute dell’Area Fiorentina Nord Ovest e responsabile dell’Area Welfare di Anci Toscana.

    Adesso il nuovo incarico nella Sds Fiorentina Sud-Est che ha il compito di programmare, gestire e organizzare in maniera condivisa e in forma di consorzio tutti i sevizi sociali e alcuni importanti servizi sanitari per i 14 Comuni che la costituiscono insieme all’Azienda Ausl Toscana Centro: Bagno a Ripoli, Barberino Tavarnelle, Fiesole, Figline Incisa Valdarno, Greve in Chianti, Impruneta, Londa, Pelago, Pontassieve, Reggello, Rignano sull’Arno, Rufina, San Casciano, San Godenzo.

    Soddisfazione è stata espressa dal presidente della SdS, il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini: “Ci affidiamo ad una figura di grande esperienza, maturata sul campo e in prima linea per lunghi anni nella programmazione e nel coordinamento dei servizi socio-sanitari della nostra regione, in un momento in cui è nostro dovere fornire alle comunità risposte sempre più tempestive e puntuali”.

    “Una grande sfida per il neo-direttore – aggiunge Casini – a cui va tutta la stima della giunta e dell’assemblea della Sds e un caloroso augurio di buon lavoro, all’insegna della condivisione e del gioco di squadra”.

    Con la nomina di Naldoni, la Società della Salute ha completato la fase di definizione del proprio assetto istituzionale.

    Accanto al presidente Casini e al direttore Naldoni, si ricorda che la giunta della Sds è composta da sei membri: oltre al presidente e alla delegata del direttore generale dell’Ausl Toscana Centro, la dottoressa Rossella Boldrini,  ne fanno parte la sindaca di Pontassieve Monica Marini, la sindaca di Figline Incisa Valdarno Giulia Mugnai, la sindaca Fiesole Anna Ravoni e il sindaco di Greve in Chianti Paolo Sottani.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...