spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Allarme di Publiacqua e Provincia: “A nostro nome falsi sondaggi per fini commerciali”

    Stanno arrivando alla Provincia di Firenze segnalazioni di cittadini che comunicano di aver ricevuto telefonate robotizzate con le quali, a nome della Provincia di Firenze, viene proposto di partecipare a un sondaggio sull'uso dell'acqua potabile. Chi partecipa al sondaggio riceve poi una successiva chiamata da un operatore che gli chiede ulteriori notizie, per poi finire col proporre l'acquisto di prodotti per la depurazione.

     

    La Provincia mette in guardia i cittadini da questo tipo di telefonate e invita chi le ricevesse e potesse registrarle a darne segnalazione all'ufficio risorse idriche (f.pugi@provincia.fi.it, 0552760824/953) o all'Urp (urp@provincia.fi.it, 0552760241).

     

    Stesso allarme viene lanciato da Publiacqua: "In questi giorni – dicono dal gestore del servizio idrico – al nostro Numero Verde sono giunte numerose segnalazioni di cittadini relative a telefonate effettuate da un servizio automatico in cui ai cittadini stessi viene richiesto di dichiarare se bevono acqua del rubinetto o imbottigliata. Al contrario di quanto viene riportato da questo sistema automatico che attribuisce le telefonate a “Publiacqua, acquedotto di Firenze”, avvertiamo i cittadini  che Publiacqua non ha mai commissionato un’indagine del genere".

     

    "Publiacqua – concludono – invita quindi gli stessi cittadini a contattare immediatamente il gestore del servizio idrico o le autorità competenti, qualora questi episodi dovessero ripresentarsi".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...