spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A chiederlo Giovanna Maggiani Chelli: “Se Renzi vuol cambiare nome e cento strade di Firenze…”

    LA ROMOLA (SAN CASCIANO) – Se il sindaco di Firenze Matteo Renzi ha davvero intenzione di cambiare nome a cento vie di Firenze, allora due di queste dovrebbero essere intitolate una alle vittime della strage di via de' Georgofili e l'altra al magistrato Tito Chelazzi.

     

    A dirlo è Giovanni Maggiani Chelli, presidente dell'Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili: "Sono 10 anni che lo chiediamo – dice Maggiani Chelli – ci sono sempre stati insormontabili problemi di commissione toponomastica a rendere vana la nostra istanza".

     

    Vittime della strage che, lo ricordiamo, furono lo studete Dario Capolicchio e tutta la famiglia Nencioni (madre, padre e le due bimbe), originaria del borgo de La Romola. Borgo che ha sempre tenuta viva la fiamma della memoria, fino alla realizzazione del mosaico in loro memoria (in foto) nel Giardino del Tramonto, grazie all'opera del Maestro Silvio Loffredo, scomparso da alcune settimane.

     

    "Ricordiamo la nostra ripetuta richiesta a chi di dovere – conclude Maggiani Chelli – e auspichiamo quindi che questo 2013, il ventennale della strage di Firenze, sia l’anno in cui avremmo la certezza che i posteri ricorderanno il massacro più ignobile che storia d’Italia ricordi. Il mondo ha bisogno di ricordare quel massacro avvenuto nella centralissima città di Lorenzo il Magnifico il 27 Maggio 1993 in via dei Georgofili, mentre le istituzioni italiane, non v’è dubbio, erano per lo meno girate dall’altra parte".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...