spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Immobilizzate 45 armi, 600 munizioni, 200 kg di carne surgelata di fauna selvatica

    Vasta operazione anti bracconaggio condotta dal Corpo Forestale dello Stato del Comando Provinciale di Firenze ed il Corpo di Polizia Provinciale di Firenze coordinata dalla Procura della Repubblica di Firenze.

     

    L’operazione ha impegnato oltre 50 uomini in divisa tra le Province di Firenze, Arezzo, Siena e Grosseto, per una pluralità di perquisizioni locali e domiciliari disposte dalla competente autorità giudiziaria fiorentina.

     

    Le attività nascono da una serie di segnalazioni pervenute al Corpo di Polizia Provinciale di Firenze alle quali ha fatto seguito una serie di controlli delle singole segnalazioni ed agli inizi dell’anno in corso si giungeva al deferimento di un fiorentino, di 51 anni, il quale veniva trovato in possesso di due ungulati illecitamente abbattuti (un cinghiale ed un daino) e due armi illegalmente detenute. 

     

    Gli venivano contestati reati inerenti l’abbattimento e detenzione illegale di fauna, anche vietata, nonché reati inerenti al porto e detenzione di armi.

     

    Il quadro che emergeva inizialmente, implementato dagli esiti di ulteriori accertamenti, faceva sicuramente presupporre che la persona deferita disponesse nella sua attività di rapporti con altri soggetti tali da poter esercitare in modo non lecito l’attività venatoria, anche mediante l’utilizzo di armi illegalmente detenute, al fine di catturare e vendere la fauna illecitamente abbattuta sia come carne che come trofeo.

     

    Il soggetto in questione era addirittura risultato sprovvisto oltre che della Licenza di Caccia anche di regolare porto d’armi da più di 15 anni.

     

    Le indagini venivano svolte congiuntamente tra il Corpo Forestale dello Stato del Comando Provinciale di Firenze ed il Corpo di Polizia Provinciale di Firenze sotto il diretto coordinamento dalla Procura della Repubblica fiorentina.

     

    Compiute anche tramite l’utilizzo di tecnologie investigative di livello avanzato anche in orario notturno, hanno consentito di confermare le ipotesi di reato già ascritte accertando, anche tramite l’effettuazione tra le province di Firenze, Arezzo, Siena e Grosseto, di una pluralità di perquisizioni locali e domiciliari, ulteriori violazioni di carattere penale, sia a carico del soggetto già deferito, sia a carico di ulteriori soggetti che con questo avevano instaurato rapporti.

     

    Tutto questo al fine di compiere illegali attività venatorie finalizzate al commercio delle carni della fauna selvatica e per tassidermizzare i capi abbattuti. L’associazione instaurata tra i diversi soggetti consentiva di abbattere nell’ambito territoriale, principalmente della provincia di Firenze, esemplari di fauna stanziale quale: cervi, daini, caprioli, cinghiali e lepri, nonché fauna migratoria quale la beccaccia.

     

    Le violazioni accertate sono riferibili a vari contesti ed in particolare: ad uso delle armi senza porto d’armi; detenzione illegale e porto in luogo pubblico di armi e munizioni; esercizio dell’attività venatoria in assenza di regolare porto d’armi; uccisione e detenzione illegale di fauna anche protetta per la commercializzazione delle carni e della trofeistica; detenzione illegale di fauna tassidermizzata; detenzione illegale di fauna sottoposta alla normativa C.I.T.E.S..

     

    Poste sotto sequestro 45 armi tra cui fucili e carabine; 600 munizioni di vari calibri; 200 kg circa di carne surgelata di fauna selvatica in parte già confezionata e pronta per essere venduta; 95 trofei sia completi che parti di trofeo; 8 esemplari sottoposti a normativa C.I.T.E.S..

     

    I risultati ottenuti sono il frutto di una intensa attività di intelligence e di collaborazione tra il Corpo Forestale dello Stato e del Corpo di Polizia Provinciale di Firenze entrambi Forze di Polizia deputate al rispetto ed al controllo delle e sulle normative ambientali, tra queste emerge l’attività di controllo sulla fauna selvatica.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...