spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tari, la CNA Chianti: “Aumenti inaccettabili. Riversata su cittadini incompetenza della politica”

    La presidente Veronica Cei: "Che i costi di gestione sarebbero aumentati era facilmente intuibile quando si è deciso di non costruire gli impianti di smaltimento"

    FIRENZE – “Apprezziamo le riduzioni Tari che il Comune di Impruneta ha predisposto per le attività economiche danneggiate dalla pandemia. Si tratta di un segnale di attenzione della pubblica amministrazione nei confronti di tutte quelle attività alle prese con la crisi legata al Covid, ma occorre fare di più perché si tratta sì di sconti, ma all’interno di un aumento della tariffa del 4%”.

    Così Veronica Cei, neo presidente di CNA Chianti, su uno dei temi del momento. Ovvero l’aumento della Tari.

    CNA ritiene gli aumenti stabiliti da Alia “inaccettabili, perché riversano su imprese e cittadini l’incompetenza della politica”.

    “Che i costi di gestione sarebbero aumentati – riprende la CNA chiantigiana – era facilmente intuibile quando si è deciso di non costruire gli impianti di smaltimento, con la conseguenza di doverli smaltire fuori regione”.

    “Il vero problema – incalza Cei – è la mancata adozione di un nuovo Piano Regionale dei Rifiuti. Accogliamo positivamente l’annuncio dell’assessore Monia Monni sul lavoro che la Regione sta facendo a tal proposito con la costruzione di nuovi impianti tecnologicamente avanzati”.

    “Ma siamo perplessi – prosegue – dal fatto che la Regione non voglia decidere dove localizzare gli impianti, demandando tutto ai privati”.

    “Il privato può solo chiedere l’autorizzazione – rimarca Cei – ma questa è concessa dalla Regione e, per la parte urbanistica, dai comuni e la nostra storia è piena di esempi di comitati vari che nascono per chiedere che le costruzioni siano effettuate non nel proprio comune, ma in altri”.

    “È la Regione che deve localizzare gli impianti, oltre a semplificare le procedure autorizzative e procedere ad una campagna educativo-culturale che spieghi ai cittadini che le nuove tecnologie sono sicure e che si muovono in ottica di tutela ambientale” conclude Cei.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...