spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Interrogazione presentata dai consiglieri provinciali del Pdl

    Imposta di soggiorno un anno dopo: quali sono state le modalità di utilizzo nei Comuni della Provincia di Firenze? Lo chiede il consigliere provinciale del Pdl Filippo Ciampolini insieme a Erica Franchi, Manola Aiazzi e Carla Cavaciocchi che hanno presentato in Provincia di Firenze un'interrogazione in cui si rilevano Comune per Comune date e dati relativi all'imposta.

     

    "Alla data dell'1 gennaio 2013 – dicono i consiglieri –  secondo i dati forniti dal portale istituzionale di www.firenzeturismo.it, nel territorio della provincia di Firenze risultano senza imposta di soggiorno i solo Comuni di Vaglia e Scandicci".

     

    Poi evidenziano il vincolo di destinazione dell'imposta secondo la legge: “Il relativo gettito è destinato a finanziare interventi in materia di turismo, ivi compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive, nonché interventi di manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali locali, nonché dei relativi servizi pubblici locali”.

     

    "Secondo il report elaborato dal Centro Studi Turistici – sottolineano – è stato stimato che l’imposta di soggiorno in tutta la provincia di Firenze, ha prodotto 27 milioni di euro di introiti complessivi nei 42 Comuni in cui è stata istituita".

     

    Sulla base di questi dati e considerazioni, i consiglieri Pdl chiedono alla Provincia di Firenze di "conoscere la ripartizione in dettaglio, riferita a ciascun Comune della Provincia di Firenze e all’anno di riscossione, delle somme introitate con l’imposta di soggiorno; le modalità e le finalità di utilizzo dell’imposta di soggiorno distinte per ciascun Comune, anche in riferimento all’eventuale uso da parte di Unioni di Comuni, se presenti".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua