spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Una gara organizzata per domenica 26 maggio: ecco come partecopare

    Un'iniziativa di quelle che scaldano il cuore, che si svolgerà domenica 26 maggio presso T.A.V. (Tiro A Volo) La Fontaccia a Castel San Gimignano, organizzata dal Caffè Franchi di San Casciano, Macelleria Parti di San Donato in Poggio, Bar Alimentari Ponterotto. In collaborazione con Federazione Italiana della Caccia, Arci Caccia, C.P.A. Caccia Pesca Ambiente.

     

    Stiamo parlando del "I° Trofeo a squadre – Cacciatori per il Meyer", gara di percorso di caccia itinerante 50 piattelli a scorrere. Le iscrizioni (60 euro a squadra) si possono fare entro il 26 maggio al Bar Franchi (0558249629), Macelleria Parti (0558072952), Bar Alimentari Ponterotto (055828073), oppure contattando Saverio Franchi (3202661206).

     

    La gara avrà inizio alle 8.30, si gareggia su una distanza di 50 piattelli a scorrere, la pedana è formata da sei tiratori (due squadre complete). Gara dedicata a cacciatori in possesso di regolare porto d'armi, le squadre sono formate da tre persone e il punteggio viene calcolato con i migliori due punteggi eseguiti dai tiratori di ogni squadra (il peggiore viene scartato).

     

    Possono partecipare anche i tiratori in possesso di tessere F.I.T.A.V.  e F.I.D.A.S.C. con un handicap di quattro piattelli ciascuno, per le terze e le seconde e di sei piattelli per le prime e le eccellenze.

     

    Premi: alla prima squadra classificata trofeo più pecorino; alla seconda trofeo più salame; alla terza trofeo più salsicce; dalla quarta alla sesta bottiglie di vino. Sarà premiato il miglior punteggio assoluto personale effettuato nella gara.

     

    E, soprattutto, l'intero ricavato sarà devoluto all'ospedale Meyer di Firenze.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua