spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ieri l’assemblea dei soci di Publiacqua ha eletto il nuovo presidente

    FIRENZE – L’assemblea dei soci di Publiacqua, riunitasi ieri mattina all’Anconella, ha nominato nuovo nresidente del gestore del servizio idrico integrato Filippo Vannoni (in foto).

     

    Commercialista fiorentino, Vannoni prende il posto di Erasmo D’Angelis, nominato il 3 maggio scorso Sottosegretario di Stato al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti del Governo Letta. L’assemblea prendendo atto delle dimissioni della consigliera Maria Elena Boschi, ha nominato anche il nuovo consigliere Monia Monni.

     

    Agli ex presidente e consigliere d’amministrazione dimissionari sono andati i ringraziamenti dell’Assemblea, per il grande lavoro svolto dal 2010. Un ringraziamento particolare è stato rivolto poi alla vicepresidente Caterina Ammendola alla quale in questi ultimi due mesi erano state assegnate le funzioni del presidente in attesa della nomina di questa mattina.

    Nell'assemblea di ieri mattina inoltre, l’azienda ha presentato ai propri soci il bilancio d’esercizio 2012. "Un bilancio – dicono – che ha confermato Publiacqua come un'azienda in salute che opera con efficienza e crea lavoro sul territorio".

     

    L’amministratore delegato, Alberto Irace, ha presentato a sindaci e rappresentanti dei 49 Comuni soci numeri e dati relativi a dodici mesi di grande lavoro ed impegno per un’azienda che ha chiuso l’esercizio con un utile netto pari a 23 milioni di euro (dovuto al contenimento degli incrementi di costo, primi fra tutti quelli  relativi  all’aumento della tariffa media dell’energia elettrica, ed ai processi di efficientamento messi in atto) e con oltre 64,2 milioni di euro investiti. Dato, quest’ultimo, che la fa rimanere al vertice della sua categoria in Italia per investimenti. L’assemblea ha deliberato di distribuire solamente una parte degli utili, mantenendone la metà  in azienda per favorire gli investimenti nel servizio idrico.

     

    Capitolo investimenti: infrastrutture e lavoro di operai e tecnici che hanno ulteriormente migliorato il sistema acquedottistico, fognario e della depurazione su tutto il territorio delle province di Firenze, Prato, Pistoia e parte di Arezzo, interessando quasi 1,3 milioni di cittadini. Lavori che sono serviti ad affrontare la siccità del 2012, una delle più importanti e prolungate del secolo per la quale sono stati investiti tra l’altro 3 milioni di euro in interventi straordinari, e per approntare opere importanti per quello che è l’obbiettivo dei prossimi anni.

     

    La realizzazione di opere di depurazione che mettano il territorio gestito dall’azienda in linea con gli standard richiesti dall’Europa. In questo senso, impossibile non citare l’emissario in riva sinistra d’Arno (7,4 Km di tubazione di due metri di diametro) che, entro il 2015, intercetterà gli scarichi fognari di 140.000 abitanti tra Firenze e Bagno a Ripoli che attualmente finiscono ancora nel fiume, rendendo la nostra la prima area metropolitana depurata al 100%.

     

    Attualmente sono oltre 4 i chilometri di tubazione da 2 metri di diametro posati con la realizzazione di step importanti come il sottoattraversamento dell’Autostrada A1 ed il sottoattraversamento del fiume Greve. Nel 2012 sono stati 15,5 i milioni di euro investiti in quest’opera mentre a breve prenderanno il via i lavori per il secondo lotto.

     

    Tra gli investimenti utili a consentire un incremento della copertura depurativa è da ricordare anche la realizzazione dell’emissario meridionale di Pistoia, per cui, nel corso del 2012, sono stati spesi circa 2 milioni di euro. Un’altra opera importante del triennio riguarda la conclusione degli interventi di adeguamento dell’impianto di depurazione di San Giovanni Valdarno.
     

     

    Nel corso 2012, come ricordato dalla vice presidente Caterina Ammendala, Publiacqua ed Autorità Idrica Toscana hanno messo a disposizione degli utenti delle agevolazioni tariffarie sulle bollette dell’acqua. Sono stati  oltre 7.500 i nuclei familiari (pari a oltre 23.500 persone) che ne hanno  beneficiato per una somma complessiva che ha superato un milione di euro.

    “Anche con questo bilancio – commenta l’amministratore delegato Alberto Irace – Publiacqua emerge con performance di realizzazioni che la collocano ai vertici delle aziende idriche nazionali ed europee. Stiamo lavorando per la sicurezza dell’approvvigionamento idrico e per recuperare i ritardi nella depurazione. Abbiamo inaugurato innovazioni tecnologiche e di processo per ridurre sempre di più i costi e migliorare servizio e sicurezza dei nostri lavoratori ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti“.
     

    Il neo presidente Filippo Vannoni ha espresso soddisfazione per il nuovo incarico ringraziando i sindaci e i soci tutti per la fiducia accordata: “Si apre una fase importante caratterizzata dalla definizione del nuovo piano d’investimenti.. Fin dai prossimi giorni gli incontri con i sindaci aiuteranno a stabilire le priorità e le necessità di intervento a garanzia dell’efficacia del servizio. Ringrazio gli amministratori che mi hanno preceduto,  in particolare il Sottosegretario Erasmo D’Angelis e l’attuale amministratore Alberto Irace, sotto la cui guida l’azienda è cresciuta e si è consolidata come una delle più importanti a livello nazionale nel suo settore”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...