spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    VIDEO / Città Metropolitana: pianificazione strategica, il piano strutturale “La valle delle Greve”

    Mobilità integrata, con servizi di trasporto efficienti che colleghino il Chianti al sistema delle tramvie. E valorizzazione ambientale, turistica ed economica

    CHIANTI FIORENTINO – Una mobilità integrata, con servizi di trasporto efficienti che colleghino il Chianti al sistema delle tramvie.

    E la valorizzazione ambientale, turistica ed economica di tutto il bacino del fiume Greve.

    Sono alcuni degli obiettivi di un territorio diviso tra più comuni – Greve in Chianti, Impruneta, San Casciano Firenze, Scandicci – che possono trovare in uno strumento come il Piano strategico della Città Metropolitana il naturale terreno per svilupparsi.

    Il Comune di Impruneta sta definendo adesso il proprio Piano strutturale comunale.

    Proprio per confrontarsi sugli obiettivi del territorio del bacino della Greve, è stato organizzato un incontro pubblico, con rappresentanti della Città Metropolitana, della Regione e dei Comuni vicini.

    Il Piano nazionale di ripresa e resilienza può essere lo strumento per ottenere risorse e avviare un percorso che riguarda più comuni.

    Tra le possibili idee, quella della creazione di una pista ciclabile lungo la Greve.

    Intanto dalla Città Metropolitana arriva un importante via libera alla passerella sul Calosina, nella frazione di Ferrone, tra i comuni di Greve in Chianti e Impruneta.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...