spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Domenica 30 giugno uscita nei luoghi di “Dante e le cascate dell’acquacheta”

    CHIANTI FIORENTINO – Domenica 30 giugno "Le Vie del Chianti" propongono "Dante e le cascate dell'acquacheta", splendida camminata nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi per scoprire la celebre cascata che il sommo poeta paragonò al fiume infernale.

     

    Per chi ama camminare nella natura una meta classica da non perdere! Un itinerario che sa sorprendere ogni volta, che sa regalare incontri inaspettati con specie vegetali ed animali la cui vita è legata a quella del torrente e dei boschi.

     

    Dall'abitato di San Benedetto in Alpe l'itinerario porta, attraverso un comodo sentiero tra maestosi faggi ed ontani, fino alla famosa cascata, accompagnati dal costante fragore del torrente Acquacheta. Dopo aver ammirato la cascata si guaderà il torrente per proseguire in salita fino al pianoro erboso dei Romiti, dove si nascondono tra la vegetazione, i ruderi di un antico monastero fondato dai Monaci dell'Abbazia di San Benedetto.

     

    Dopo la pausa pranzo il percorso prosegue prima in cresta, salendo fino a prato Andreacci, dove ci attendono squarci mozzafiato, poi con una ripida discesa nel bosco fino a San Benedetto in Alpe.

     

    Ritrovo: ore 8 presso la piscina di San Casciano. Durata escursione: intera giornata. Trasferimento: mezzi propri. Lunghezza: 13 km. Difficoltà: media. Impegno: medio. Occorrente: pranzo al sacco, acqua, scarpe da  trekking (obbligatorie). Quota di partecipazione: 10 euro per persona. Info e prenotazioni: Eleonora 392 0579570 – Sarah 328 9043252 – Samuele 338 4611098 leviedelchianti@gmail.comwww.leviedelchianti.it.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...