spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’approvazione delle misure di assestamento del bilancio 2013 del Comune di Gaiole in Chianti

    GAIOLE IN CHIANTI – Alleggerimento della tassazione a favore dei cittadini e delle attività produttive, investimenti per la messa in sicurezza delle scuole e maggiori entrate accertate, grazie all’imposta di soggiorno.

     

    Sono queste le misure, approvate, nei giorni scorsi, dal consiglio comunale nel corso della seduta, convocata per l’approvazione dell’assestamento di bilancio 2013 del Comune di Gaiole in Chianti. Una manovra che punta, in particolare, sul turismo ma soprattutto sul sostegno alle attività produttive e alla famiglie, in un momento di forte crisi economica.

     

    Applicazione della Tares semplificata

     

    “Ancora una volta – spiega il sindaco, Michele Pescini – abbiamo dovuto far fronte ai tagli alle risorse, ma non per questo abbiamo scelto di far pagare un “conto salato” ai cittadini e alle attività produttive, già duramente provate dalla situazione di forte crisi".

     

    "Per alleggerire la tassazione – prosegue – abbiamo scelto di introdurre la Tares in forma semplificata, ossia di applicare la vecchia Tarsu, in modo da lasciare le tariffe più basse sia per le abitazioni, che per le attività produttive e commerciali. In pratica, verranno applicate anche per il 2013 le vecchie regole della Tarsu che tiene conto unicamente della superficie dell’abitazione, calcolando quindi l’importo a metro quadro".

     

    "Ne consegue – spiega – che, tenendo conto anche del fatto che le tariffe Tarsu applicate da Gaiole erano più basse del 15-20% rispetto alla media, cittadini e imprese pagheranno lo stesso importo del 2012 che in generale è circa il 40 per cento più basso rispetto all’applicazione della Tares integrale. Tutto ciò grazie ad una Spending Review interna che ci ha consentito di reperire le risorse utili a coprire la parte di costi non inseriti in bolletta”.

     

    Imposta di soggiorno

     

    “In controtendenza rispetto al resto del territorio provinciale – chiarisce Pescini – il nostro Comune ha registrato un aumento della presenza turistica,  che unita ai controlli fatti sul territorio, ci ha garantito una maggiore entrata accertata sull’imposta di soggiorno pari a 24mila euro. Il patrimonio turistico è non solo uno scrigno di tesori da preservare, ma deve essere letto come uno strumento dinamico per valorizzare e per creare nuove occasioni di promozione e di sviluppo”.

     

    Investimenti per 80 mila euro per la messa in sicurezza delle scuole

     

    “In un momento nel quale le risorse a disposizione dei Comuni sono sempre meno – conclude il primo cittadino di Gaiole – ci siano impegnati per attrarre investimenti e per proseguire sulla strada della progettualità, finalizzata al miglioramento della qualità della vita per chi abita il nostro territorio. Così dopo aver partecipato a un bando promosso dalla Regione, il Comune di Gaiole ha ottenuto un contributo regionale pari a circa 80 mila euro, presentando un progetto per la messa in sicurezza degli edifici scolastici".

     

    "Stiamo già avviando – sottolinea – le procedure di gara per l’affidamento dei lavori che dovranno essere espletate entro il 28 febbraio 2014, in modo da riuscire a realizzare l’impianto antincendio del plesso scolastico dove hanno sede la scuola elementare, quella media e la palestra. Si tratta per noi dell’ennesimo investimento nella scuola e nelle strutture scolastiche in linea con il nostro obbiettivo di innovare con il massimo rispetto dell’ambiente garantendo soprattutto la sicurezza dei nostri figli e quindi il nostro futuro”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...