spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 3 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Asl Toscana sud est: dal primo marzo somministrazione della quarta dose del vaccino anti Covid per i fragili

    Da lunedì 7 marzo partirà anche la vaccinazione con Nuvaxovid, il vaccino a subinità proteica recentemente ammesso da Aifa

    SIENA – Parte domani, martedì 1 marzo, la somministrazione della quarta dose di vaccino a RmNA contro il Covid-19 (Moderna e Pfizer).

    Gli interessati verranno contattati dai centri di riferimento delle strutture specialistiche delle aziende sanitarie dove sono seguiti.

    I medici e gli specialisti verificheranno chi è in possesso delle condizioni necessarie per essere sottoposto alla somministrazione della quarta dose. Gli stessi centri potranno essere contattati per eventuali dubbi.

    Le categorie interessate sono le stesse della circolare ministeriale del settembre 2021.

    Saranno vaccinati gli immunodepressi, come possono essere i dializzati e gli oncologici, ma solo coloro che hanno gli specifici requisiti previsti da Ministero e da Aifa.

    Si stima che in Toscana siano interessate circa 35mila persone (8.000 nella Asl Toscana sud est).

    La vaccinazione sarà effettuata in ospedale, nelle sedi ambulatoriali o nei centri specialistici.

    Da lunedì 7 marzo partirà anche la vaccinazione con Nuvaxovid, il vaccino a subinità proteica recentemente ammesso da Aifa che può essere somministrato a over 18, in due dosi, da effettuare a distanza di tre settimane.

    Il Nuvaxovid potrà essere prenotato dal prossimo 3 marzo dal portale regionale al link https://prenotavaccino.sanita.toscana.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...