spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo Berardenga: “Risposte positive dalla nuova raccolta dei rifiuti”

    Il sindaco: "Attenzione e sensibilità dei cittadini". Il vice: "Presto nuove iniziative e incontri"

    CASTELNUOVO BERARDENGA – A poche settimane dall’inizio della distribuzione delle 6Card e dall’introduzione dei primi cassonetti ad accesso controllato, "la risposta della comunità di Castelnuovo Berardenga è positiva".

     

    Lo dice l'amminitrazione comunale castelnovino: "A confermarlo – si rimarca – è la crescita della raccolta differenziata e la richiesta del Comune a Sei Toscana di effettuare ulteriori svuotamenti oltre a quelli programmati".

     

    Nel frattempo, continuano la consegna delle 6Card, già ritirate da circa l’85 per cento dei cittadini, e gli incontri nelle frazioni per illustrare il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti.

     

    La risposta dei cittadini

     

    “La comunità di Castelnuovo Berardenga – afferma il sindaco Fabrizio Nepi – sta rispondendo positivamente al nuovo sistema di raccolta differenziata e ringrazio tutti i cittadini per la sensibilità e l’attenzione mostrata verso il nuovo sistema di raccolta".

     

    "Continueremo gli incontri – annuncia – e saremo sempre a disposizione per rispondere alle richieste di informazioni e di chiarimenti per aiutare la nostra comunità a far crescere, tutti insieme, la raccolta differenziata sul territorio comunale per raggiungere gli obiettivi previsti dalle normative. Questo sarà fondamentale per poter introdurre la tariffa puntuale e pagare in base ai rifiuti effettivamente prodotti”.

     

    La scelta dell’accesso controllato

     

    “Il Comune di Castelnuovo Berardenga – aggiunge Alessandro Maggi, vicesindaco e assessore all’ambiente – ha scelto in maniera convinta di introdurre i cassonetti ad accesso controllato rinunciando al sistema del porta a porta, che avrebbe avuto ricadute negative su un territorio come il nostro oltre a grandi costi di gestione".

     

    "La strada scelta – prosegue Maggi – si sta rivelando quella giusta, la comunità sta rispondendo con partecipazione e sensibilità e continueremo a promuovere iniziative di sensibilizzazione ambientale oltre a quelle già presenti con la raccolta dei piccoli RAEE, apparecchi elettrici e elettronici, le agevolazioni sulla tariffa per chi effettua il compostaggio domestico, la possibilità di conferire numerose tipologie di rifiuti presso due centri di raccolta, compresi i materiali ingombranti".

     

    "Accanto a queste – ammonisce – non mancheranno i controlli, per disincentivare chi ancora non conferisce in maniera corretta e, soprattutto, per non rendere vano l’impegno di chi differenzia correttamente. Con questi obiettivi, stiamo introducendo le fototrappole e formando ispettori ambientali che saranno nominati dal Comune".

     

    "Nei prossimi giorni – conclude Maggi – sono previsti altri incontri nelle frazioni, dopo quelli svolti nelle settimane scorse con grande partecipazione, insieme alla consegna della 6Card”.

     

    Consegna 6Card

     

    In attesa dei prossimi incontri organizzati dal Comune, è possibile ritirare la 6Card presso lo sportello Tari del Comune, aperto il lunedì pomeriggio dalle ore 14 alle ore 18 al piano terra del Municipio – previa prenotazione al numero verde di Sei Toscana 800 127484 – oppure presso Sei Toscana a Siena, in via Simone Martini 57, tutte le mattine, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle ore 12.30, e il pomeriggio, dal lunedì al giovedì, dalle ore 14 alle ore 16.30.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...