spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il 9 agosto il trekking urbano notturno. Sabato 10 agosto la degustazione itinerante

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Doppio appuntamento con “Calici di Stelle” a Castelnuovo Berardenga. In occasione della tradizionale iniziativa dedicata alla degustazione delle produzioni vitivinicole locali, l’associazione Trekking “La Bulletta”, in collaborazione con la Filarmonica drammatica, ha organizzato un trekking urbano notturno per venerdì 9 agosto, alla scoperta della storia del comune, accompagnati dalle narrazioni di Fabrizio Manetti.

     

    L’iniziativa proseguirà, poi, sabato 10 agosto con un percorso di eventi e degustazioni per le vie del centro storico.

     

    Venerdì 9 agosto. “A passeggio con la storia” avrà inizio alle 21.30 presso la sede della società Filarmonica. Da lì i partecipanti si sposteranno alla scoperta della Torre di Castello e di tutti i rioni del capoluogo: Castello, Prato, Poggetto, Citerna e Pratone. Il ritorno è previsto alle ore 24 presso la Filarmonica dove si terrà un momento di ristoro.

     

    Sabato 10 agosto. “Calici di Stelle” entrerà nel vivo nella giornata di sabato, dalle ore 19 alle ore 24, con “Gustar divino” in piazza Marconi, dove si potranno assaporare i migliori vini della Berardenga e i prodotti tipici locali. In piazza Matteotti, dalle 21, invece, si terrà “Parlar divino” con esperti enologi che guideranno lungo un percorso di degustazione di vini locali. Spazio anche al divertimento per grandi e piccini: in piazza Castellare, dalle 21, infatti, sarà possibile partecipare a uno spettacolo di rime, canzoni e stornelli durante “Cantar divino” mentre, presso il Giardino delle Rimembranze del Parco di Villa Chigi Saracini, sempre dalle 21, si terrà l’animazione “Giocar divino”, con uva, vini e giochi di luce. 

    “Calici di Stelle – commenta l’assessore allo sviluppo economico e all'agricoltura, Mauro Giannetti – è un’iniziativa di successo che vive della forte partecipazione e della rete di collaborazione che siamo riusciti a creare tra le istituzioni e le aziende del territorio. Una vetrina delle produzioni locali che garantisce ampia visibilità alle nostre eccellenze non solo tra il pubblico senese e toscano ma anche italiano tutto e straniero, che fa tappa nel Chianti per le vacanze estive”.

     

    Info. L’iniziativa è promossa dall’associazione “Città del Vino”, dalle cantine aderenti al movimento “Turismo del Vino” e dall’amministrazione comunale. La biglietteria sarà aperta a partire dalle ore 19. Il biglietto ha un costo di 10 euro e include sei degustazioni.

     

    Per maggiori informazioni è possibile telefonare all’Ufficio turistico al numero 0577 351337; al Comune allo 0577 351340-302 oppure visitare il sito internet www.comune.castelnuovo.si.it. Le aziende che hanno aderito a “Calici di Stelle” sono: Azienda agraria Allegretti, località Pacina; Azienda agricola Dievole, Vagliagli; Azienda agricola Losi, località Pontignanello; Azienda agricola Tattoni, Villa a Sesta; Podere Lecci e Brocchi, Villa a Sesta; Azienda Poggio Bonelli, Castelnuovo Berardenga; macelleria Pini, Castelnuovo Berardenga; macelleria Rapaccini, Ponte a Bozzone; caseificio Corbeddu Santino, Castelnuovo Berardenga. 

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...