spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 13 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Vita da Etruschi”: tre giorni di campus pasquale al Museo Archeologico

    Destinati a bambini da 6 a 11 anni: come si mangiava? Come si giocava? I bimbi impareranno, costruiranno, giocheranno

    CASTELLINA IN CHIANTI – Il Museo Archeologico del Chianti senese, a Castellina in Chianti, ripropone (nei giorni 18, 19 e 23 aprile) il campus pasquale regionale "S-passo al museo!", per bambini da 6 a 11 anni: "Vita da etruschi!", dalle 9 alle 13.

     

    Dall'abitazione, agli oggetti della tavola, alla preparazione dei cibi, ai giochi… . Tre differenti laboratori dedicati alle attività della casa al tempo degli Etruschi: tritare, impastare e costruire con le proprie mani per immedesimarsi in un antico etrusco.

     

    Un tuffo nel passato per toccare con mano la storia antica grazie ad attività manuali alternate a momenti di relax. Come si costruiva una casa e quali odori avremmo sentito entrando? Quali oggetti avremmo trovato? Cosa si mangiava e come lo si preparava?

     

    Questo e altro con i materiali naturali che l’uomo ha sapientemente imparato a plasmare: il legno, la pietra, l’argilla, i cereali… .

     

    Materia, colori, odori per un’esperienza coinvolgente e creativa. Costo intero campus 21 euro (soci Unicoop Firenze 18 euro); costo singola mattinata 8 euro (soci Unicoop Firenze 7 euro). Iscrizioni aperte fino al 15 aprile (al museo sono reperibili i moduli di iscrizione).

     

    Info e prenotazioni: 0577742090 – info@museoarcheologicochianti.it.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...