spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 18 Ottobre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Donato in Perano, la super proprietà va all’asta: castello, villa, vigneti

    Tre lotti: la villa nel bosco, il castello di origine medievale (a quasi 6,5 milioni), il "lotto agricolo" da oltre 13 milioni

    GAIOLE IN CHIANTI – Una enorme e prestigiosa proprietà va all'asta nei prossimi mesi a San Donato in Perano, nel comune di Gaiole in Chianti.

     

    Tre i lotti, con prezzi che nel secondo e nel terzo caso sono nell'ordine dei milioni di euro. Ma andiamo per ordine.

     

    Il primo lotto è quello della "Villa nel bosco", a Gaiole in Chianti: una villa di 174 metri quadri su tre livelli: al piano terra la zona giorno, composta da un ampio salone con focolare e la cucina sul lato ovest e una camera con bagno interno sul lato est.

     

    Al piano primo la camera padronale, anch’essa con bagno interno; mentre al piano inferiore, completamente interrato, sono ubicati locali accessori tra cui un terzo bagno indipendente, tutti areati attraverso bocche di lupo che si aprono sullo scannafosso.

     

    L’immobile è circondato da resede recintato di 1.557 metri quadri (comprensivi dell’ingombro dell’edificio). L'asta si terrà il 9 ottobre. Prezzo base 612.000 euro.

     

    Il lotto 2 è quello del Castello di San Donato in Perano, complesso di origine medievale e rilevante pregio storico architettonico, comprensivo di quattro abitazioni di tipo civile, un’abitazione di tipo economico, un’abitazione in villa, due uffici, due cappelle non destinate all’esercizio pubblico del culto, 13 magazzini, tre autorimesse, due opifici, piscina, sette unità in corso di definizione e lastrico solare.

     

    Nel lotto sono compresi 117 beni mobili (macchinari, impianti, arredamento ed attrezzatura per l’ufficio, arredamento ed attrezzatura per la ristorazione ed il catering, arredamento ed ambientazione, in parte di antiquariato).

     

    Anche in questo caso la data è fissata per il 9 ottobre: prezzo di partenza 6.472.000 euro.

     

    Infine c'è il lotto più costoso, denominato "Compendio agricolo Parabuio". E comprende tre opifici, quattro abitazioni di tipo civile e 143 terreni o porzioni della superficie complessiva di 248.35.37 ettari (di cui 47.33.03 ettari rivendicabili a Chianti Classico DOCG e 5.10.93 ettari a Toscano IGT) oltre a diritti di proprietà superficiaria su nove terreni o porzioni per una superficie complessiva di ha 01.64.04.

     

    Il tutto ubicato a Gaiole in Chianti quanto ai fabbricati tutti ed a terreni per la superficie di 188.00.85 ettari, nonché a Radda in Chianti quanto a terreni per la superficie di 63.62.60 ettari.

     

    Nel lotto sono compresi 66 beni mobili (macchinari, attrezzature ed impianti per la lavorazione delle uve, arredamento ed attrezzatura per l’ufficio, materiali per lo stoccaggio del prodotto finito, arredamento ed attrezzatura varia).

     

    Qui l'asta è prevista per il 19 settembre, e il prezzo base è di 13.292.000 euro.

     

    Per informazioni telefonare al custode: Arezzo (0575 383138); Siena (0577 318101). Per visitare gli immobili, visite.ivg@gmail.com; 329 4447741.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...