spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Docente e ricercatore universitario a Firenze, luminare in pedagogia e formazione

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Il Comune di Castelnuovo Berardenga esprime profondo cordoglio per la scomparsa di Enzo Catarsi,  professore di pedagogia all’Università di Firenze e direttore del dipartimento di Scienze dell’educazione e dei processi culturali e formativi, avvenuta nei giorni scorsi.

     

    “Siamo molto addolorati per la scomparsa improvvisa del professor Enzo Catarsi – commenta l’assessore all’istruzione, Annalisa Giovani – Era uno straordinario educatore di educatori, un luminare nel campo della pedagogia e della formazione che ha dato tanto con la sua professionalità ed esperienza allo sviluppo della cultura dell'infanzia e dei servizi educativi”.

     

    “Enzo Catarsi – continua l’assessore – aveva collaborato con la Regione Toscana, attraverso l'Istituto degli Innocenti, sulle attività di sostegno e sviluppo del sistema dei servizi all'infanzia e formato tanti educatori tra i quali anche coloro che operano nel nostro comune, portando la nostra regione a vantare uno dei sistemi più avanzati di servizi educativi per la prima infanzia”. 

     

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...