spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ferita all’addome da un pallettone da caccia arrivato dalla vicina boscaglia

    CHIANTI – Poteva capitare a ciascuno di noi, alle migliaia di chiantigiani che ogni giorno transitano lungo la Firenze-Siena, l'Autopalio. Una strada che, in questo periodo dell'anno, vede moltiplicare il traffico anche per i tanti turisti che vi gravitano.

     

    E' accaduto ieri a una giovane senese mentre, a bordo della propria auto, stava appunto viaggiando lungo la Firenze-Siena: arrivata all'altezza dello svincolo di Siena Nord (direzione Siena), la donna (25 anni), è stata colpita all'addome da un pallettone da caccia proveniente dalla boscaglia vicina. Viaggiava a finestrino aperto (quello dal lato del passeggero, da cui si presume sia entrato il proiettile).

     

    Un vero e proprio incubo, una tragedia sfiorata. La donna è stata subito soccorsa e poi trasportata presso il vicino ospedale di Santa Maria alle Scotte: qui è stata curata e in seguito dimessa con una prognosi di 20 giorni.

     

    La polizia, che ha effettuato i primi accertamenti e i primi rilievi (con l'ausilio della polizia scientifica), sta curando le indagini per cercare di capire da dove sia partito il colpo: collaborano anche carabinieri, polizia provinciale e copro forestale.

     

    Probabilmente si è trattato di una fucilata esplosa dall'arma di un bracconiere a caccia nella zona: per questo motivo sono state aumentate anche le misure precauzionali da questo punto di vista.

     

    E se fino ad oggi chi passava lungo l'Autopalio doveva preoccuparsi "solamente" dei tanti animali che invadono la carreggiata, adesso c'è anche questa ulteriore preoccupazione da tenere sempre bene a mente… .

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...