spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 25 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Gli altri tre sono morti. La rabbia del sindaco Michele Pescini: “Incivili”

    GAIOLE IN CHIANTI – “Abbandonare un animale è sintomo di inciviltà ed è un reato perseguibile penalmente. Abbandonare un animale significa molto spesso lasciarlo ad un destino di sofferenza e di morte, come è accaduto ieri nel nostro Comune, dove quattro cuccioli meticci sono stati gettati dentro un cassonetto della spazzatura nei pressi del cimitero”.

     

    Con queste parole il sindaco di Gaiole in Chianti, Michele Pescini interviene in seguito a un episodio di maltrattamento sugli animali avvenuto ieri, mercoledì 12 novembre nei pressi del centro storico.

     

    “Purtroppo tre dei cuccioli abbandonati – dice Pescini – sono morti mentre l’unico superstite, grazie all’impegno della nostra polizia municipale e alla generosità di una cittadina è stato adottato, evitando di finire al canile".

     

    "Un grazie di cuore – tiene ad evidenziare Pescini – anche Patrizia e Valentina che si sono attivate per salvarlo, rifocillarlo e per consegnarlo nelle mani dei nostri agenti. Rinnovo quindi l’appello a tutti a seguire comportamenti responsabili nei confronti degli animali che non devono e non possono essere abbandonati". 

     

    "Ricordo – conclude il sindaco – che chi abbandona un animale commette un reato che, in base alla Legge 189/04 può essere punito con l’arresto fino a un anno o con un’ammenda sino a 10mila euro. Se si assiste ad un caso di abbandono e si denuncia l’accaduto alle autorità competenti il cittadino contribuirà a far applicare le sanzioni previste dalla legge, diventando protagonista in prima persona nella lotta contro gli abbandoni”.   

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...