sabato 31 Ottobre 2020
Altre aree

    Dramma a Lucarelli: incidente durante caccia al cinghiale, muore un 66enne

    Viveva a Bagno a Ripoli, aveva casa in Chianti. Colpito a una gamba da un compagno di battuta (suo parente)

    LUCARELLI (RADDA IN CHIANTI) – Dramma nei boschi attorno a Lucarelli, frazione di Radda in Chianti sul "confine" fra Chianti fiorentino e senese.

     

    Dove in un incidente durante una battuta di caccia al cinghiale, attorno alle 12.30 di oggi, sabato 30 novembre, un 66enne è morto.

     

    La squadra di caccia al cinghiale di Lucarelli stava infatti portando avanti la sua battuta quando al passaggio di un animale, da una "posta" uno dei cacciatori ha sparato il primo colpo diretto all'ungulato.

     

    Dopo averlo mancato ha esploso anche il secondo, che è purtroppo andato a colpire a una gamba il compagno alla "posta" vicina, un uomo classe '53: viveva a Bagno a Ripoli ma ha una casa anche in zona.

     

    Peraltro il cacciatore che ha esploso i due colpi, classe '47, residente in zona, è anche parente di colui che è stato colpito.

     

    Probabilmente (ma saranno gli esami autoptici disposti dal magistrato, che verranno eseguiti nei prossimi giorni) a essere colpita è stata l'arteria femorale. Per il 66enne non c'è stato niente da fare. Inutile anche la disposizione della centrale 118, che ha fatto alzare in volo l'elisoccorso Pegaso.

     

    Oltre a disporre l'autopsia, il magistrato di turno ha disposto il sequestro della salma e delle armi. Per quanto riguarda la ricostruzione di quanto accaduto, saranno i carabinieri a far luce su ogni dettaglio, anche se purtroppo appare abbastanza verosimile la prima ricostruzione.

    di MATTEO PUCCI

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...