spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Spettacoli, enogastronomia, incontri. San Gusmè si fa bella per la Festa del Luca Cava

    La manifestazione animerà la frazione di Castelnuovo Berardenga dal 2 all'11 settembre: il programma completo

    SAN GUSME' (CASTELNUOVO BERARDENGA) – Tradizioni, memoria, prodotti del territorio, ma anche teatro, musica e divertimento.

     

    Il Chianti si prepara a vivere giorni di grandi emozioni con la Festa del Luca Cava di San Gusmè, in programma in due weekend dal 2 al 4 e dal 8 all’11 settembre.

     

    La 37esima edizione della manifestazione sarà l’occasione per valorizzare il paese e il suo territorio grazie a una serie di iniziative che animeranno il borgo chiantigiano.

     

    Si comincia venerdì 2 settembre alle 19.30 con il buffet nel Borgo e alle 21.30 la presentazione (dopo il successo nel 2014 di “Albicocche rosse”) del nuovo progetto teatrale italo-tedesco dal titolo “Amara Terra mia”, interverranno l’attrice Daniela Morozzi insieme agli autori e registi Ulrich Waller, Matteo Marsan, Dania Hohmann.

     

    Sabato 3 settembre sarà la volta del Premio San Gusmè, in compagnia del giornalista sportivo Rai Francesco Pancani, Silvio Martinello, commentatore sportivo e campione olimpico di ciclismo su pista e Davide Cassani, c.t della nazionale italiana di ciclismo.

     

    Domenica 4 settembre spazio all’arte ed alle degustazioni enogastronomiche, con una serie di iniziative dedicate a “L’Arte di degustare” organizzate nel cuore di San Gusmè.

     

    Il medioevo e la storia protagoniste del secondo fine settimana di Festa. Giovedì 8 settembre la Festa del Luca riaprirà i battenti con un convegno, alle 16, dedicato al tema dell’economia circolare al quale seguirà la cena “con il Luca”.

     

    Venerdì 9, invece, grande protagonista sarà la musica, con il “Luca’s Live Rock Contest” e la discoteca, a partire delle ore 23 presso gli impianti sportivi.

     

    Sabato 10 settembre spazio ai più piccoli con “Giocare nella Storia”, in programma alle 16.30 e lo spettacolo “Sogno di una notte di mezza estate”, alle 21.

     

    Giobbe Covatta, alle 22 salirà sul palco con il suo show “Sei gradi”, per il quale è necessaria la prenotazione.

     

    “Quand’era un castello” è il tema dell’ultima giornata di Festa, domenica 11 settembre, dedicata al passato medievale di San Gusmè e del suo territorio. Una giornata ricca di eventi, con musici, saltimbanchi, fachiri e tanto altro, che culminerà con i fuochi d’artificio alle ore 23.

     

    Secondo la leggenda da cui prende il nome la festa, nel 1888 Giovanni Bonechi, un contadino del posto, mise nel proprio orto una statua in pietra da lui scolpita, appunto Luca Cava, per invogliare i passanti a fare i propri bisogni fisiologici nel suo terreno.

     

    L’obiettivo era duplice: riutilizzare il refluo come fertilizzante e rendere più pulito il paese, indicando un unico luogo dove espletare le “funzioni corporali” in un’epoca in cui non esistevano né i bagni pubblici né quelli all’interno delle abitazioni.

     

    Negli anni '40 alcuni abitanti della frazione, stanchi di essere presi in giro per la statua, decisero di disfarsene.

     

    Successivamente, la storia di Luca Cava venne scoperta da Silvio Gigli, che se ne innamorò per la sua ironia e propose la realizzazione di una nuova statua, disegnata dal noto vignettista Emilio Giannelli e realizzata dal maestro Marcello Neri delle ceramiche Santa Caterina di Siena. La festa dedicata a Luca Cava, invece, è nata nel 1972 su iniziativa dell’associazione Pro Loco, che da allora la promuove ogni anno.

     

    Tutte le informazioni relative alla Festa del Luca 2016 sono disponibili sul sito www.sangusme.it, sulla pagina facebook “Pro Loco San Gusmè” dove ogni evento delle giornate è descritto nel dettaglio o telefonando al 345 9308292.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...