spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Radda in Chianti torna al Rinascimento, nel segno del Ferrucci

    Il 24 e il 25 giugno spettacoli, folklore, mercatini e l'attesissima "Palla in Botte". La manifestazione ricorda il podestà del 1527

    RADDA IN CHIANTI –  Il borgo di Radda in Chianti si prepara ad accogliere il ritorno del “Ferruccio”. Fervono infatti i preparativi per una nuova edizione di “Radda Rinascimentale nel segno del Ferrucci” (sabato 24 e domenica 25 giugno).

     

    La manifestazione rievocativa ogni anno vede popolarsi le vie del paese chiantigiano di saltinbanchi, falconieri, giocolieri, mangiafuoco, cavalieri, borghesi, antichi mestieri, musiche, danze rinascimentali e tanti spettacoli per la gioia di grandi e piccini, immancabile poi l’attesissima partita di “Palla in Botte”.

    Castello di Radda, A.D. 1527, il podestà Francesco di Niccolò Ferrucci detto “Ferruccio” decide di festeggiare l'arrivo del suo successore con grande sfarzo e giochi. Su richiesta del Gonfaloniere della Podesteria del Chianti promuove una partita di “Palla in Botte” tra le due porte cittadine.

     

    Per due giorni si torneranno a vivere le suggestive atmosfere dei primi del Cinquecento e nel castello si potrà godere di piatti tipici e conoscere il Ferruccio.

    Info su https://www.facebook.com/raddarinascimentale/ oppure telefonando allo 0577 738494.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...