spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un successo la visita dei 32 cittadini del comune francese gemellato

    CASTELLINA IN CHIANTI – Sono state cinque giornate all'insegna dell'amicizia e della cordialità che hanno rinsaldato il gemellaggio tra i Comuni di Martigné Briand e Castellina in Chianti.

     

    La delegazione francese, composta da 32 cittadini, tra i quali anche il vicesindaco Maryvonne Martin, provenienti anche da altre municipalità dell'Unione dei Comuni des Coteaux du Layon, ha partecipato a un ricco programma di attività e iniziative ricreative, culturali, organizzate dal Comitato del Gemellaggio, organismo in seno all'assessorato alle attività internazionali al quale hanno partecipato attivamente anche realtà associative e famiglie castellinesi.

     

    “L'appuntamento di quest'anno – spiega il sindaco di Castellina in Chianti, Marcello Bonechi – ha celebrato il 15esimo anniversario del Patto di gemellaggio tra Castellina e Martigné e ribadito il profondo legame istituzionale e di amicizia tra le due comunità".

     

    "Le affinità di natura socioeconomica e di vocazione alla produzione vitivinicola – prosegue – costituiscono le fondamenta sulle quali è nata e si è sviluppata la nostra relazione, che vogliamo mantenere e intensificare, in termini di coinvolgimento di tutta la collettività castellinese e delle sue forme associative e aggregative, con un'azione diffusa e continua del Comitato di Gemellaggio, il braccio operativo del Comune su questo fronte”.

     

    Particolarmente gradite dagli ospiti francesi la rappresentazione teatrale "Pinocchio" del gruppo degli Squattrinati e il concerto d'archi della rassegna "Autunno in Musica" promossa da Consorzio Amo Castellina e Schola Cantorum.

     

    Molto entusiasmo hanno suscitato le visite guidate en plein air dei borghi del Chianti e dei centri storici di Siena e Firenze, ma anche quelle al Museo archeologico del Chianti senese, alla cantina dell'azienda Castello di Fonterutoli e al birrificio artigianale "Math".

     

    “Se tutto è andato bene – ha detto l'assessore alle attività internazionali, Cosimo Ciampoli –  è stato grazie al gioco di squadra e alla collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti. Il nostro grazie va in particolare al Comitato di Gemellaggio, alle famiglie ospitanti e ai volontari che hanno dato, a vario titolo, la loro disponibilità".

     

    "Un ringraziamento – conclude Ciampoli – anche agli organizzatori di "Pinocchio" e del concerto d'archi che hanno calendarizzato le date in funzione della presenza dei cittadini francesi; alla famiglia Mazzei e a Matteo Ferré per aver svelato gli ambienti di produzione delle loro rispettive eccellenze; inoltre, alla cooperativa ARA per la visita divulgativa al Museo”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...