sabato 31 Ottobre 2020
Altre aree

    I ringraziamenti del Comune a chi si è mobilitato per ripristinare i danni provocati dal maltempo

    Sul territorio e in particolare a San Gusmè e Santa Chiara con la caduta di numerosi alberi, danni ad alcune abitazioni, l'evacuazione di due famiglie e l'interruzione dell'energia elettrica

    CASTELNUOVO BERARDENGA – “Ringraziamo tutti i dipendenti comunali, la Polizia municipale, le forze dell’ordine, la Protezione civile della Provincia di Siena e i volontari delle nostre associazioni che, fin dalle prime ore della mattina di venerdì 25 settembre, si sono mobilitati per ripristinare i danni provocati dall’ondata eccezionale di maltempo sul nostro territorio e, in particolare, nella zona di San Gusmè” è quanto affermano il sindaco di Castelnuovo Berardenga, Fabrizio Nepi, e il vicesindaco e assessore alla Protezione civile, Alessandro Maggi.

    “Un sentito ringraziamento va anche ai tecnici di Enel, che si sono attivati fin dalle prime segnalazioni per restituire la corrente elettrica nel più breve tempo possibile a tutte le utenze interessate” continuano sindaco e assessore che fin dalle prime ore di venerdì 25 settembre hanno coordinato gli interventi di ripristino dei danni e l’assistenza ai cittadini colpiti dai disagi.

    “Il maltempo che ha colpito la zona di San Gusmè e di Santa Chiara – aggiungono Nepi e Maggi – ha provocato la caduta di numerosi alberi, cartelli divelti, danni ad alcune abitazioni, con l’evacuazione di due famiglie, e l’interruzione dell’energia elettrica per numerose utenze per molte ore.”

    “Il volto di quell’area esce modificato rispetto a quello a cui eravamo abituati finora – aggiungono – ma fortunatamente l’evento metereologico è stato circoscritto a una piccola parte del nostro territorio e questo ha limitato danni che potevano essere ben più gravi per persone, immobili e paesaggio”.

    “Grazie all’intervento di operai comunali, forze dell’ordine e volontari della Protezione civile – dicono ancora Nepi e Maggi – le strade dell’area colpita sono state prontamente liberate da alberi e da altri ostacoli e la viabilità è tornata alla normalità fin dalle ore 6 di venerdì 25 settembre”

    “I problemi maggiori sono stati legati all’interruzione della fornitura di energia elettrica a San Gusmè, Villa a Sesta e Stellino – spiegano ancora sindaco e assessore – che i tecnici Enel hanno ripristinato a tutte le utenze interessate nel tardo pomeriggio di venerdì, lavorando senza sosta fin dalla notte fra giovedì e venerdì e fornendo aggiornamenti puntuali e dettagliati all’amministrazione comunale”.

    “Un sentito ringraziamento – affermano ancora il sindaco Nepi e l’assessore Maggi – va, in particolare, ai Carabinieri della Stazione di Castelnuovo Berardenga, ai Vigili del Fuoco del Comando provinciale di Siena e delle altre squadre arrivate da zone diverse della Toscana”.

    “Al nostro ufficio tecnico, a tutti gli operai del Comune e della Provincia e alla Società agricola San Felice, proprietaria delle abitazioni che hanno subito gravi danni e che ha messo immediatamente a disposizione nuovi alloggi per le persone coinvolte, a cui siamo vicini insieme a tutta la comunità castelnovina per gli attimi di paura che hanno vissuto nelle scorse ore” fanno sapere ancora sindaco e assessore.

    “Ringraziamo inoltre Acquedotto del Fiora che – concludono Nepi e Maggi – nel corso della giornata di venerdì ha dovuto alimentare con un generatore il deposito della Vena Calda rimasto senza energia elettrica, con conseguente interruzione del flusso idrico, e l’azienda Tattoni Villa a Sesta che ha collaborato al trasporto dello stesso generatore”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...