spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Castelnuovo saranno preparati 130 mila pasti/anno consegnati nelle scuole dei due comuni

    CASTELNUOVO BERARDENGA – E’ stata sottoscritta, nei giorni scorsi, dopo essere stata approvata in consiglio comunale, una convezione tra il Comune di Castelnuovo Berardenga e il Comune di Monte San Savino per lo svolgimento, in forma associata, del servizio di refezione scolastica.

     

    La convenzione è stata firmata dal sindaco, Roberto Bozzi e dal sindaco di Monte San Savino, Margherita Gilda Scarpellini e consentirà l’erogazione di circa 130 mila pasti all’anno di cui circa 100.000 destinati alle scuole di Castelnuovo e circa 30.000 a quelle di Monte San Savino.

     

    Il servizio di mensa scolastica sarà svolto presso il moderno centro cottura della Rsa del Comune di Castelnuovo e sarà garantito a Monte San Savino attraverso un mezzo dedicato che consentirà di mantenere la qualità e la freschezza dei cibi durante il trasferimento.

     

    “La convenzione – afferma Annalisa Giovani, assessore all’istruzione – è stata firmata, in via sperimentale per un anno, consentendo al Comune di Castelnuovo di abbattere i costi del servizio e delle utenze e a Monte San Savino di poter garantire agli alunni il servizio di refezione scolastica".

     

    "La mensa di Castelnuovo – spiega – si occuperà di erogare il servizio alle scuole dei due Comuni con vantaggi concreti sia dal punto di vista occupazionale, visto che con l’incremento dei pasti sarà necessario aumentare sia gli orari di lavori che il personale che dal punto di vista economico per le aziende agroalimentari del territorio. Molti dei prodotti usati dalla nostra mensa infatti sono a km 0. Tra un anno potremo fare un bilancio della sperimentazione e capire se ripetere questa iniziativa”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...