spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Casa Chianti Classico splendida mostra di modellismo per tutto luglio

    RADDA IN CHIANTI – Una meravigliosa mostra modellistica a Casa Chianti Classico, a Radda in Chianti.

    “Per tutto il mese di luglio – annunciano da Casa Chianti Classico – ospiteremo, nei locali al piano terra del Convento di Santa Maria al Prato, una mostra delle creazioni di Alfiero Sani, artista del territorio chiantigiano”.

    “Si tratta – spiegano – di perfette riproduzioni di aerei militari di metà Novecento, totalmente auto costruite in legno da schemi tecnici e documentazioni fotografiche”.

    Un’opera certosina e di grande abilità tecnica, con una cura dei particolari che non può essere descritta e merita certamente di essere vista. Il tutto all’interno degli splendidi spazi di Casa Chianti Classico che offrono, oltre a grande ristorazione e grandi vini del territorio, cultura e divertimento.

    “Vi aspettiamo – concludono da Casa Chianti Classico – per l’inaugurazione ufficiale sabato 6 luglio alle ore 16, ma i modelli saranno visibili già da martedì 2 luglio durante l’intero orario di apertura della Casa Chianti Classico”.

    Info: www.casachianticlassico.it; 0577738187; 0577738278.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...