spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La casa vinicola stupisce ancora con le sue etichette speciali

    Cultura e vino si legano insieme nel nome dell'arte. Dario Fo realizza infatti l'etichetta artistica e la carta seta per l'annata 2010 del Chianti Classico ''Casanuova di Nittardi''. Dopo Gunter Grass, un altro Premio Nobel per la Letteratura, lascia la sua impronta sul vino della Fattoria Nittardi e lo fa in un'occasione davvero speciale per l'azienda: il trentennale della collezione artistica Nittardi, che ormai consta di 60 opere originali firmate, ogni anno, dal 1981, dai più grandi nomi dell'arte moderna e contemporanea.
     

    L'opera di Dario Fo, sia per il titolo ''Alla fine della raccolta'' che per la scena che rappresenta ci immerge immediatamente nel mondo del vino. Dopo una giornata di raccolta, ci si gode il meritato riposo, chi raccontando seduti le storie di tante vendemmie, chi in piedi, chinato, non per la fatica ma per toccare la terra da cui tutto comincia, a volerla ascoltare, capire e amare. Una pittura che subito colpisce per le sue tinte forti e per il suo contrasto. Su uno sfondo rosso, Dario Fo mette in primo piano i grappoli d'uva e l'elemento umano, le due variabili piu' importanti di tutte le realtà vitivinicole.

    Parlando dell'opera dell'artista, Peter Femfert e sua moglie Stefania Canali, proprietari dal 1981 della Fattoria Nittardi, affermano: ''Dario Fo ha messo insieme in quest'etichetta per Nittardi il cielo e la terra, ha creato un nuovo firmamento dove i grappoli d'uva brillano li' in alto come le stelle".

     

    Prima di iniziare a scrivere i suoi testi satirici per la radio e la televisione, Dario Fo fu studente all'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano e parlando di sè ha detto: "Mi sento attore dilettante e pittore professionista. Se non possedessi questa facilità naturale del raccontare attraverso le immagini, sarei un mediocre scrittore di testi teatrali, ma anche di favole o di grotteschi satirici!".

     

    Un importante traguardo quello del trentennale della collezione artistica che l'azienda sottolineerà con un prezioso catalogo sulla storia di questa autentica galleria di capolavori: 30 etichette artistiche e 30 carte seta usate per avvolgere le preziose bottiglie in edizione limitata, per un totale di 60 opere firmate dai più grandi nomi dell'arte moderna e contemporanea, tra cui A.R. Penck, Yoko Ono, Corneille, Igor Mitoraj, Emilio Tadini, Eduardo Arroyo, Giuliano Ghelli, Valerio Adami, Mimmo Paladino, Tomi Ungerer, Friedensreich Hundertwasser, Gunter Grass e Pierre Alechinsky.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...