spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’assessore Giannetti: “Rinnovato un interlocutore importante per il Comune nella frazione più grande”

    QUERCEGROSSA (CASTELNUOVO BERARDENGA) – E’ stato nominato nei giorni scorsi il nuovo Consiglio di zona di Quercegrossa, composto da sette membri di diversa rappresentanza sociale e politica che avranno il compito di mantenere rapporti fra il comune capoluogo e l’area della frazione di competenza di Castelnuovo Berardenga (rispetto all’altra parte amministrata da Monteriggioni).

     

    Ne fanno parte Mario Formichi, per la locale Confraternita di Misericordia; Luigi Mori, per il Gruppo Sportivo A.S.D. Quercegrossa; Gianni Pieri, per il Consiglio Parrocchiale; Giuseppe Gazziano, per il Gruppo Donatori di Sangue; Michele De Cecca e Francesca Scali, per il gruppo consiliare Centrosinistra per Castelnuovo Berardenga e Francesca Bertolino, per il gruppo consiliare MoVimento Cinque Stelle.

     

    “Il Consiglio di zona di Quercegrossa – spiega l’assessore di Castelnuovo Berardenga con delega ai rapporti con le frazioni, Mauro Giannetti – è stato istituito nel 2009 quale soggetto di partecipazione e di consultazione in grado di ascoltare le esigenze della frazione più popolosa, ma anche più distante dal capoluogo di Castelnuovo Berardenga, facendosene portavoce nei confronti dell’amministrazione comunale".

     

    "In questi anni, pertanto – ricorda – il Consiglio di zona è stato un punto di riferimento importante per i cittadini di Quercegrossa e un interlocutore fondamentale per il Comune. I nuovi membri, nominati dopo il rinnovo del mandato amministrativo comunale, rimarranno in carica fino al termine del mandato del sindaco Fabrizio Nepi e rivolgo loro il benvenuto con i migliori auguri di buon lavoro, a nome di tutta la giunta”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua