spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lei 47enne kosovara, lui 22enne (connazionale). Fermato dai carabinieri

    Radda in Chianti sotto choc: una donna kosovara di 47 anni e' stata uccisa questa mattina, più o meno alle 10, nelle vigne di un'azienda agricola a Volpaia senese. E' morta così, in una nebbiosa mattina di inizio anno, quando le nostre vigne si popolano di operai intenti nelle prime operazioni di potatura.

     

    E' stato già fermato dai carabinieri del comando di Siena un ventiduenne, connazionale e compagno di lavoro della vittima. Dalle prime ricostruzioni i due, entrambi operai dell'azienda agricola, stavano lavorando alla potatura.

     

    Ad un tratto sarebbe scoppiata una lite, sorta con ogni probabilità per contrasti precedenti. Il giovane avrebbe quindi colpito la vittima ripetutamente: all'inizio con una pietra e poi con un paio di grosse forbici utilizzate per il lavoro nei campi. La donna è morta senza possibilità di essere salvata dai soccorsi arrivati sul posto.

     

    L'uomo si sarebbe poi allontanato, ma è stato fermato a un posto di blocco organizzato tempestivamente dai carabinieri dopo l'allarme dato dagli altri dipendenti dell'azienda agricola. Il 22enne avrebbe cercato di fuggire chiedendo un passaggio a un automobilista.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...