spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    E’ una tradizione storica della frazione di Castelnuovo Berardenga

    Un lungo calendario di eventi gastronomici e culturali per salutare l'arrivo dell'olio nuovo. E’ la XVIII edizione della Festa dell’Olio Novo a Pianella, nel comune di Castelnuovo Berardenga, che torna da venerdì 16 a domenica 25 novembre con tanti appuntamenti e le cene a base di prodotti tipici e olio novo durante tutte le serate. A fare da cornice alla festa, continuano le manifestazioni di area “Chianti d’Autunno” e “Quinto Quarto”, la rassegna enogastronomica di piatti della tradizione tipica toscana che raccoglie più di quaranta ristoratori del Chianti senese e fiorentino.
     

    Il programma della festa. Venerdì 16 novembre, alle ore 19, presso la sede della Filarmonica, si aprirà la mostra “Gli aforismi del giorno dopo” e alle ore 20 si terrà la serata di ballo liscio con “Gatto Matto” mentre sabato 17 novembre la giornata è dedicata ai ragazzi e alla musica con, alle ore 16.30, la proiezione di un film e alle ore 20 uno spettacolo di canti popolari in ottava rima. Domenica 18 novembre l’appuntamento è con le escursioni guidate dal gruppo trekking “La Bulletta”: il ritrovo è alle ore 8.45 presso il piazzale del Circolo Arci (costo 5 euro oppure 15 con pranzo incluso). La giornata continuerà alle ore 21 con Luigi Oliveto che presenterà in anteprima il suo ultimo libro dal titolo “Siena andante con…mito”, un viaggio nel tempo attraverso la città, per incontrare personaggi, leggende e misteri che ancora oggi vivono a Siena.
     

    La seconda settimana di festa avrà inizio giovedì 22 novembre, alle ore 21, sempre presso la Filarmonica, con il dibattito dal titolo “Prodotti di qualità e salute dei cittadini” a cui prenderanno parte Mauro Giannetti, assessore allo sviluppo economico e all’agricoltura di Castelnuovo Berardenga; Paolo Bucelli, responsabile settore sviluppo rurale della Provincia di Siena; Gloria Turi, dietista presso la Usl 7 di Siena; Filippo Giannettoni assessore alla salute di Castelnuovo e il sindaco Roberto Bozzi.

     

    Uno spettacolo di prestidigitazione con il Mago Pablo e le sue collaboratrici, invece, è in programma venerdì 23 novembre, alle ore 21. Sabato 24 novembre, alle ore 9, sarà possibile partecipare alla visita ai percorsi dell’acqua del Santa Maria della Scala di Siena e alla serata di Piano Bar con Antonello e con la grande tombola gastronomica a partire dalle ore 21. La festa si concluderà domenica 25 novembre con lo spettacolare raduno delle Fiat 500 e auto d’epoca alle ore 9 nel centro del borgo. Da lì, le auto storiche partiranno alla volta di un percorso nel Chianti con una visita al Frantoio di Montecucco e una degustazione presso il ristorante “Il Ponte”. Alle ore 17, infine, si terrà lo spettacolo teatrale del gruppo “Ultimo minuto”.
     

    La Festa dell’Olio Novo è organizzata dalla Filarmonica di Pianella e dal ristorante-pizzeria “Il Ponte” in collaborazione con il Circolo Arci “La società” e il G.s.d. di Pianella e con il patrocinio del Comune di Castelnuovo Berardenga. Per maggiori informazioni e per prenotazioni è possibile telefonare al numero 0577363100 oppure scrivere all’indirizzo info@filapianella.it.
     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...