spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un altro incidente “surreale” lungo la Firenze-Siena: parte del pollame… recuperata

    Ormai non se ne esce, lungo la Firenze-Siena ne succede una ogni giorno. L'Autopalio è infatti una delle arterie di comunicazione del nostro territorio a maggior rischio incidenti: anche di quelli singolari.

     

    Dopo la vicenda, ben più grave di quella di oggi, della ragazza che alcuni giorni fa mentre stava viaggiando è stata colpita da un proiettile vagante (clicca qui per leggere l'articolo), questa mattina, poco oltre l'uscita per Monteriggioni, un camion si è ribaltato sulla carreggiata andando a disperdere il suo carico.

     

    Un carico composto da gabbie contententi polli, che si sono aperte sulla carreggiata: fortunatamente nessun "umano" è rimasto ferito.

     

    Nell'incidente però una parte dei polli è morta nell'impatto con la strada; altri sono stati recuperati e altri ancora se la sono svingata nei campi e nei boschi subito fuori dalla strada (che è rimasta chiusa per alcune ore). Dai primi riscontri pare che l'incidente possa essere dovuto a un tentativo azzardato di sorpasso.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...