spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Scritti da autori toscani per Loquando Editrice. E si presenta un bando speciale…

    RADDA IN CHIANTI – Venerdì 12 luglio, alle 17 nello splendido Palazzo del Podestà di Radda in Chianti, nel contesto della mostra fotografica “Immagini e idee del Chianti” (di Trudi Schmidt, clicca qui per vedere la fotogallery), verranno presentati i libri scritti da autori toscani e pubblicati per "I tipi" di Loquendo Editrice.

     

    "Il Guerriero di Micene", di Massimo Marletta, un’epica alternativa alle vicende legate al ritorno degli Eroi di Micene dopo la caduta di Troia; "Il volto e la maschera", di Massimo Tarrini, un racconto di fantasia epica con le vicende di Bertrando da Chianni che si svolgono sullo sfondo di una ricostruzione storica dell’antica città pisana. E "Quel viaggio", "Alla deriva" e "Io e Guru Ji", di Kalu Ram Bala, una trilogia introspettiva sul percorso che l’autore pisano Carlo Boda ha saputo affrontare per lasciarsi alle spalle il suo tragico passato per vivere un presente libero e consapevole.

     

    Verranno anche presentate alcune linee guida del bando letterario che il Comune di Radda e Loquendo Editrice stanno preparando per la pubblicazione di autori chiantigiani o di opere che raccontino il territorio.

     

    Per informazioni: Marco Zamarco (347 8783802), Trudi Schmidt (3397767690, trudi@blackandwinedesign.com).

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...