spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 13 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “La Berardenga e il suo Castello Nuovo”: sabato 8 dicembre si presenta il libro

    Curato da Mario Ascheri e Fosco Vivi: tanti autori per una storia di questa parte di "Terra di Siena"

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Sabato 8 Dicembre all’interno dell’auditorium di Villa Chigi Saracini si svolgerà la presentazione del  libro “La Berardenga e il suo Castello Nuovo” curato da Mario Ascheri e Fosco Vivi, edito da Il Leccio.

     

    Alle 11 apriranno i lavori Patrizia Turrini ed il sindaco Fabrizio Nepi, poi interverranno i vari autori.

     

    Firme importanti per questa “Storia di una Terra di Siena”, quali Paolo Cammarosano, Renato Stopani, Duccio Balestracci, Roberto Farinelli, lo stesso Mario Ascheri, Felicia Rotundo, Pierluigi Licciardello, Gabriele Fattorini.

     

    E’ un libro per argomenti, utile all’accademico e allo studioso per i tanti documenti ritrovati e riportati, e piacevole per il lettore, che troverà un’abbondanza di mappe e foto che faranno da riferimento ai testi.

     

    Non è un libro che si sofferma su argomenti già trattati, ma è il frutto di importanti ricerche d’archivio che hanno dato risultati anche inattesi, uno su tutti il ritrovamento degli antichi documenti sul Castello Nuovo della Berardenga, sia di fonte senese che fiorentina (Pianta quotata e Stemma inediti).

     

    La Berardenga viene studiata non solo per gli importanti reperti architettonici medievali, ma anche per le sue opere d’arte, alcune straordinarie e sottovalutate.

     

    Per gli autori e per gli studiosi, questo libro rappresenta un punto di arrivo e nel contempo un presupposto per futuri studi sullo scrigno di storia e cultura che è il territorio della Berardenga.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...