spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Centinaia di turisti hanno apprezzato l’atmosfera, gli spettacoli e il percorso gastronomico

    RADDA IN CHIANTI – Boom di presenze per “Radda 1527 – Francesco Ferrucci podestà in Chianti”, la rievocazione rinascimentale nel borgo chiantigiano che alla sua seconda edizione ha visto un notevole incremento di visitatori.

     

    Conclusasi domenica 14 luglio la manifestazione ha visto Radda in Chianti animarsi per due giorni di sbandieratori, personaggi in costume, giullari e soldati in armatura in un’atmosfera originale e suggestiva.

     

    Oltre agli spettacoli, i numerosi turisti italiani e stranieri hanno potuto apprezzare la cena tipica rinascimentale allestita nella via centrale del paese sabato sera e il percorso gastronomico di domenica, sempre per le vie del borgo con quattro soste per ogni portata, antipasti, primi, secondi e dolci.

     

    “Desideriamo ringraziare tutti i raddesi per il prezioso contributo alla riuscita della festa – affermano i responsabili della Pro Loco raddese – Un grazie particolare all’amministrazione comunale, alle sarte che hanno cucito dei meravigliosi abiti tradizionali, ai cuochi, ai ristoratori, i negozianti e a tutte le associazioni che hanno partecipato attivamente. L’appuntamento con “Radda 1527” è per il prossimo anno con la terza edizione, ancora più ricca e densa di atmosfera suggestiva”.
     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...