spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo Berardenga: due posti disponibili con il Servizio civile regionale

    Opportunità per giovani dai 18 ai 29 anni, da inserire nel progetto "Ecco Fatto - Botteghe della Salute"

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Sono aperte fino a venerdì 1 febbraio le domande di partecipazione al progetto di Servizio civile di interesse regionale "Botteghe della Salute" finanziato con risorse del POR FSE 2014-2020.

     

    Il bando rientra nell'ambito di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per favorire l'autonomia dei giovani, e prevede 2 posti per giovani di età compresa fra 18 e 29 anni anche presso il Comune di Castelnuovo Berardenga.

     

    Le persone selezionate saranno inserite nel progetto “Botteghe della salute” attivato da alcuni anni nelle frazioni di Quercegrossa e Vagliagli insieme a Regione Toscana e Uncem Toscana per garantire servizi essenziali anche ai cittadini che vivono in zone più periferiche rispetto ai centri urbani.

     

    Informazioni. Il bando e le modalità per presentare le domande di partecipazione sono disponibili sul sito della Regione Toscana, www.regione.toscana.it, nella sezione dedicata al Servizio civile regionale.

     

    La domanda di partecipazione può essere presentata esclusivamente online, attraverso il sito https://servizi.toscana.it/sis/DASC.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...