spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ad un anno dalla sua introduzione il Comune incontra gli operatori del settore

    Ad un anno dall'istituzione dell'imposta di soggiorno, il Comune di Castellina incontra gli operatori del settore turistico-ricettivo per informarli sull’entità e la destinazione dei proventi dell'anno 2012. Per martedì 5 febbraio, alle ore 10, presso la Casa dei Progetti, in via IV Novembre 20, infatti, l’amministrazione comunale ha organizzato un appuntamento con i titolari e i gestori delle strutture castellinesi per fare il punto e per pianificare insieme eventuali miglioramenti tecnico-organizzativi dell’applicazione dell’imposta.
     

    Nei primi mesi di introduzione della tassa di soggiorno, il Comune ha riscosso circa 151mila euro che sono stati destinati al finanziamento delle attività secondo quanto stabilito dal Regolamento comunale sull’imposta sottoscritto di concerto con gli altri Comuni del Chianti fiorentino e senese (Barberino Val d'Elsa, Castelnuovo Berardenga, Gaiole in Chianti, Greve in Chianti, Radda in Chianti, San Casciano in Val di Pesa, Tavarnelle Val di Pesa), dai Comuni di Bagno a Ripoli e Impruneta e dalle associazioni di categoria.

     

    In particolare, nel comune di Castellina, gli introiti sono stati investiti, tra le altre cose, nell’affidamento della gestione dell’Ufficio turistico al consorzio di operatori castellinesi “Amo Castellina”; nella riqualificazione del tumulo etrusco di Monte Calvario e la ristrutturazione di un carro principesco destinato a valorizzare ulteriormente il Museo archeologico del Chianti senese e nella manutenzione e gestione delle strade bianche.
     

    Sempre a Castellina, martedì 12 febbraio, l’amministrazione e gli operatori faranno il punto anche con i loro colleghi dei Comuni del Chianti fiorentino e senese e di Bagno a Ripoli e Impruneta.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...