mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    “Tra Stelle e Dei”: osservazione astronomica e racconti di divinazione etrusca

    Domenica 27 settembre al Tumulo di Montecalvario di Castellina in Chianti : ritrovo alle 21 presso il Museo Archeologico del Chianti Senese

    CASTELLINA IN CHIANTI – Domenica 27 settembre si fluttuerà… “Tra Stelle e Dei”: osservazione astronomica e racconti di divinazione etrusca al Tumulo di Montecalvario di Castellina in Chianti.

    Le postazioni con telescopio sono coordinate dal professor Alessandro Marchini dell’Osservatorio Astronomico dell’Università di Siena.

    Il compito di introdurre i partecipanti al tema storico dell’iniziativa è affidato alle ragazze in servizio civile Museum Angels di Fondazione Musei Senesi, con il coordinamento dello staff museale.

    Il ritrovo è alle 21 presso il Museo Archeologico del Chianti Senese, in piazza del Comune 17-18 a Castellina in Chianti. Per poi proseguire a piedi (sono circa 700 metri) verso il Tumulo.

    L’evento si svolge nel rispetto delle vigenti norme anti-Covid. La partecipazione è gratuita. E’ richiesta la prenotazione ai seguenti contatti: [email protected] – 0577742090.

    Il museo non è incluso nell’evento e sarà aperto con orario e tariffe standard dalle 10 alle 18, ultimo ingresso 17.15.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...