spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    VIVA – Cittadini per Radda in Chianti: “La maggioranza non era più abituata ad avere una opposizione in consiglio”

    Il consigliere comunale Vincenzo Bucci fa il punto dopo un anno di presenza in consiglio: "Una retorica consumata e messa in crisi da semplici domande di un piccolo gruppo come il nostro"

    RADDA IN CHIANTI – Alla vigilia di Ferragosto la lista VIVA – I cittadini di Radda in Chianti, con il consigliere comunale Vincenzo Bucci fa un resoconto dell’attività svolta in questo primo anno di presenza in consiglio.

    “La cosa più evidente che è stata riscontrata – esordisce Bucci – è la non consapevolezza da parte della maggioranza che governa questo Comune da molti anni della funzione istituzionale
    e democratica che dovrebbe assolvere nel rapporto fra lo Stato e cittadini, che non può essere un fatto burocratico e occasionale”.

    “Il concetto ribadito dal sindaco nel confronto politico avuto in consiglio – rimarca Bucci – in risposta alle nostre argomentazioni tendenti ad una partecipazione attiva dei cittadini nel
    dibattito sulle scelte di comune nell’interesse di tutti, è stato lapidario: “I cittadini votano e scelgono, poi ci pensiamo noi””.

    “La mancanza di una opposizione negli ultimi cinque anni – aggiunge Bucci – e probabilmente anche da prima, ha reso autosufficienti e appagati dal consenso gli attuali amministratori”.

    “Una retorica consumata – sottolinea – e messa in crisi da semplici domande di un piccolo gruppo, da un consigliere per rendere più comprensibili cose e fatti e portare anche qualche
    innovazione”.

    “Tutto questo è ritenuto un peso – accusa – una intrusione, una perdita di tempo anche nel dare risposte per e nell’interesse dei cittadini”.

    “In questo anno – ricostruisce Bucci – abbiamo presentato in consiglio 6 mozioni su temi importanti quali l’autonomia differenziata, la pubblicizzazione dell’acqua, i cambiamenti climatici, l’abbandono della plastica, approvata, ma tenuta nel cassetto da parte della giunta; 14 fra interpellanze e interrogazioni, anche queste su cose che interessano tutti”.

    “Dal Covid-19 e come aiutare le attività del centro – ricorda – alla manutenzione di strade, sul sistema fognario, sulla condizione di Selvole, la mancanza di acqua a Badia a Muro”.

    “Abbiamo sempre trovato un muro di gomma – afferma – una insensibilità ad aprirsi al
    confronto”.

    “La dimostrazione più evidente – afferma Bucci – è stata la brutta figura fatta con la sollecitazione per inventare qualcosa di nuovo per la Festa del Perdono, con la giunta che dovrebbe chiederlo (perdono) a coloro che avevano dato disponibilità e partecipazione”.

    “Tutte le iniziative possono andare bene – conclude – ma il calendario di concerti della giunta,
    senza concertare e coinvolgere cittadini e attività, può rivelarsi un flop se pur “contenuto” in 13 mila euro. Salvo fuochi d’artificio, non previsti ma…”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...