spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Chianti at Home, ecco la web-app per fissare il ritiro o la consegna a domicilio: ce la spiega il creatore

    "Facile da usare, pensata per semplificare la gestione delle attività, per dare l'opportunità di una "vetrina" alternativa a quella fisica..."

    CHIANTI – Da anni lavoro nel territorio chiantigiano, soprattutto con con piccole e medie imprese anzi, per dirla tutta, con due miei amici, siamo stati i primi a portare la connessione Internet a Greve ai tempi della “gloriosa” Chianti POP!

    Chianti at Home, la mia web-app, nasce dall’osservazione di questo periodo nuovo e, per certi versi, imprevedibile che stiamo vivendo.

    Stanno cambiando infatti le modalità e le abitudini di acquisto e credo proprio che molte di queste rimarranno anche una volta finita questa storia…

    Parlando con commercianti e ristoratori del mio paese – Greve in Chianti – mi sono reso conto dell’esigenza condivisa di avere qualche certezza in più.

    Da qui nasce Chianti at Home: una web-app che permette di fissare il ritiro sul posto e la consegna di articoli di vario genere, dalla pizzeria al sushi passando per i piccoli negozi che vendono alimenti e non solo, gastronomie, pizzicherie, enoteche, artigianato, piccoli alimentari…

    Da tutti i commercianti e ristoratori abbiamo sentito lo stesso racconto: la scorsa estate le nostre strutture ricettive hanno ospitato turisti che però spesso non se la sentivano di pranzare o cenare fuori, quindi, i turisti c’erano ma le attività di ristoro ed i negozi ne hanno risentito lo stesso…

    Proprio un ristoratore mi ha contattato qualche tempo fa: voleva una web-app studiata per il suo esercizio, che fosse semplice da gestire e che potesse essere utilizzata anche dagli utenti in modo intuitivo.

    Per questo ho pensato a Chianti at Home e, da buon chiantigiano, ho realizzato che avrebbe funzionato benissimo in tutti i nostri piccoli paesi a vocazione turistica (ecco perché funziona da subito anche in inglese), quei posti dove le “major” della consegna a domicilio non sono ancora arrivate.

    Ho deciso le modalità per commercializzare la mia app: no commissioni sulle vendite, costo “popolare” e insieme all’app, anche una promozione iniziale personalizzata per far sapere a tutti del nuovo servizio offerto.

    Questa è Chianti at Home: facile da usare, pensata per semplificare la gestione delle attività, per dare l’opportunità di una “vetrina” alternativa a quella fisica, mantenendo sempre valide tutte le regole che abbiamo imparato con il distanziamento.

    Prenotare i pasti (ma anche altro) nei vari negozi del paese, avendo un’ora prescelta per il ritiro o per la consegna a domicilio (se il negozio la vuole fare), consente di risparmiare tempo ed evitare le code dovute alle limitazioni di accesso.

    Questa web-app è uno strumento concreto, già pronto, facile e veloce da attivare, e penso che possa essere una valida opportunità anche per amministrazioni comunali ed associazioni di categoria che vogliano aiutare nell’immediato ed in vista della bella stagione le imprese della propria zona.

    Per questo sono disponibile a fornire una “licenza cumulativa” per la web-app che comprende anche la formazione per l’inserimento dei prodotti e l’assistenza.

    Per chi ne vuole sapere di più e vederla in azione: www.chiantiathome.it.

    Stefano Becheroni

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...