spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Chianti Economic Forum e ChiantiBanca: ecco il bando per #ChiantiTesi 2022

    Il premio creato nel 2018 per sostenere, analizzare, e valorizzare lo sviluppo dell'economia del Chianti, intende promuovere le competenze di studenti laureati negli atenei italiani

    CHIANTI – Con la quarta edizione di #ChiantiTesi prosegue la partnership fra Chianti Economic Forum e ChiantiBanca. 

    Il premio, creato nel 2018 per sostenere, analizzare, e valorizzare lo sviluppo dell’economia del Chianti, intende promuovere le competenze di studenti laureati negli atenei italiani che hanno discusso le loro tesi magistrali in Economia o Management negli anni accademici 2020/2021, 2021/2022, e 2022/2023.

    Con #ChiantiTesi, Chianti Economic Forum – associazione che promuove il confronto fra vari attori economici che hanno a cuore lo sviluppo del Chianti – e ChiantiBanca ribadiscono il forte legame con il territorio e si impegnano a premiare studi ed analisi di interesse in un quadro economico e sociale in continua evoluzione a causa della pandemia, il cambiamento climatico, e le crisi geopolitiche.

    La giuria che dovrà valutare gli elaborati presentati è così composta: il presidente è Cristiano Iacopozzi, presidente anche di ChiantiBanca e docente presso la Scuola di Economia e Management dell’Università di Siena.

    Quindi Claudio Boido, dipartimento Studi Aziendali e Giuridici dell’Università di Siena, Andrea Ciani, presidente del Chianti Economic Forum, Giorgia Giovannetti, dipartimento di Scienze per l’Economia e l’Impresa, Università degli Studi di Firenze e Istituto Universitario Europeo.

    Alessandro Petretto, professore emerito di Economia Pubblica dell’Università di Firenze, Maurizio Pompella, dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici dell’Università di Siena, David Rinaldi, direttore del Chianti Economic Forum e docente presso l’Università Libera di Bruxelles.

    Gli argomenti di interesse su cui dovranno svilupparsi le tesi di laurea, sono i seguenti: 

    1. Internazionalizzazione delle PMI

    2. Analisi di economia o management su distretti industriali, rurali e biodistretti

    3. Catene del valore ed equilibri globali

    4. Economia del lavoro con attenzione al ruolo della formazione e delle competenze

    5. Impatto del cambiamento climatico sul sistema economico

    6. Risparmio energetico e performance d’impresa

    7. Mercato del credito e accesso ai finanziamenti per le imprese

    8. Investimenti socialmente responsabili e sostenibili (ESG)

    9. Innovazione per sostenibilità ambientale e sociale

    I due migliori elaborati riceveranno un riconoscimento di 2.500 euro (primo premio) e 1.000 euro (secondo premio).

    I vincitori avranno inoltre l’opportunità di presentare i loro lavori in occasione della prossima edizione del Chianti Economic Forum, un evento che è diventato punto di riferimento per discutere ed analizzare le sfide che il sistema economico chiantigiano si trova a vivere ed affronterà nel futuro.

    Gli interessati possono presentare la candidatura entro il 10 novembre 2022, scrivendo a info@chiantieconomicforum.org.

    Per il bando completo https://www.chiantieconomicforum.org/chiantitesi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...