mercoledì 3 Marzo 2021
Altre aree

    E-Commerce imprese agricole, detrazione d’imposta al 40%. Occasione per vendere on line

    La Legge di Bilancio 2021 al comma 131 ha infatti esteso fino al 2023 le misure che incentivano investimenti in siti e-commerce dedicati alla vendita di prodotti italiani: tutte le info dettagliate

    CHIANTI –

    Per le aziende agricole del Chianti potrebbe essere l’occasione per mettersi al passo con i tempi con un investimento assolutamente sostenibile.

    La Legge di Bilancio 2021 al comma 131 ha infatti esteso fino al 2023 alle reti di imprese agricole e agroalimentari, anche in forma cooperativa o in consorzi o “strade del vino”, il credito d’imposta al 40% a sostegno del made in Italy, per realizzare e ampliare infrastrutture informatiche destinate al potenziamento del commercio elettronico (seguirà provvedimento attuativo entro 30 giorni).

    In pratica vengono incentivati investimenti in siti e-commerce dedicati alla vendita di prodotti italiani.

    Un’ottima occasione per iniziare un percorso di vendita on-line che si è rivelato molto importante in tempo di pandemia per le società che erano già organizzate in tal senso.

    Sarà riconosciuta una detrazione d’imposta del 40% sull’investimento per la piattaforma E- Commerce destinata alla vendita di prodotti agricoli incluso ovviamente il vino.

    Ulteriori informazioni su Credito d’Imposta E-Commerce imprese agricole (a questo link).

    E’ stato messo recentemente on line anche un sito dedicato alla “Realizzazione di Siti di E-Commerce” della sancascianese TravelWebDesign (www.travelwebdesign.it).

    Potete contattare l’agenzia anche telefonicamente al numero 0550134159 oppure via mail a [email protected].

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...