spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Premio Letterario Chianti. La prima selezione: ecco i 40 in lizza

    Il Comitato Tecnico, esaminati i testi di narrativa editi nel periodo dall'1 gennaio 2022 al 30 giugno 2023, ha compiuto una prima scelta di titoli

    CHIANTI – Premio letterario Chianti. La prima selezione: ecco i 40 in lizza per la trentaseiesima edizione del riconoscimento attribuito a testi di narrativa pubblicati dall’1 gennaio 2022 al 30 giugno 2023.

    Il Comitato Tecnico del Premio Letterario Chianti, esaminati i testi di narrativa editi nel periodo descritto, ha compiuto una prima scelta di titoli comprendente i seguenti quaranta testi, di seguito proposti in ordine alfabetico.

    Da questa lista il Comitato trarrà, dopo ulteriori opportune selezioni e confronti, i tre autori finalisti, i cui nomi saranno comunicati entro il mese di febbraio 2024.

    1. Albinati Edoardo, Uscire dal mondo, Rizzoli

    2. Baldelli Simona, Il pozzo delle bambole, Sellerio

    3. Bianca Federico, Riscatto, Felici

    4. Bicchi Luigi, Il noce dell’Alderga, NIE

    5. Bona Giorgio, La lacrima della giovane comunista, Arkadia

    6. Borrasso Francesco, Sott’acqua, Giulio Perrone

    7. Bortolotti Nicoletta, Un giorno e una donna, HarperCollins

    8. Camurri Roberto, Qualcosa nella nebbia, NN

    9. Casadio Paolo, Fiordicotone, Manni

    10. Cassioli Silvia, Il capro, Il Saggiatore

    11. Cecconi Arianna, La girandola degli insonni, Feltrinelli

    12. Ciano Martino, Itinerari della mente verso Thomas Bernhard, A&B   

    13. Drago Marco, Innamorato, Bollati Boringhieri

    14. Durastanti Claudia, Cleopatra va in prigione, Minimum Fax

    15. Falco Giorgio, Il paradosso della sopravvivenza, Einaudi

    16. Fallai Paolo, Un inverno lungo un anno, Solferino

    17. Gori Leonardo, La libraia di Stalino, Tea

    18. Innocenti Simone, L’anno capovolto, Blu Atlantide

    19. Lepri Roberta, DNA Chef, Voland

    20. Levi Lia, Per un biglietto del cinema in più, Salani

    21. Lupo Giuseppe, Tabacco clan, Marsilio

    22. Manganelli Lietta, Aspettando che l’Inferno cominci a funzionare, La Nave di Teseo

    23. Miorandi Paolo, Nannetti. La polvere delle parole, Exorma

    24. Mondadori Sebastiano, Verità di famiglia, La Nave di Teseo

    25. Naspini Sacha, Villa del seminario, E\O

    26. Nata Sebastiano, Memorie di un infedele, Bompiani

    27. Ossorio Antoniella, I bambini del maestrale, Neri Pozza

    28. Paoli Gigi, La voce del buio, Giunti

    29. Pardini Vincenzo, Il passo dei briganti, Vallecchi

    30. Permunian Francesco, Elogio dell’aberrazione, Ponte alle Grazie

    31. Piersanti Claudio, Ogni rancore è spento, Rizzoli

    32. Pignatelli Anna Luisa, Il campo di Gosto, Fazi

    33. Sartori Giacomo, Fisica delle separazioni in otto movimenti, Exorma

    34. Scudeletti Massimiliano, La laguna dei sogni sbagliati, Arkadia

    35. Soriani Melania, Bly, Mondadori

    36. Spampinato Lorena, Piccole cose connesse al peccato, Feltrinelli

    37. Spila Cristiano, I baffi di Gadda e altri malinconici oggetti, Avagliano

    38. Tuti Ilaria, Come vento cucito alla terra, Longanesi

    39. Veltri Francesca, Malapace, Miraggi

    40. Vichi Marco, Nulla si distrugge, Guanda

    Il Premio Letterario Chianti è promosso dai Comuni di Greve in Chianti, Barberino Tavamelle, Castellina in Chianti, Gaiole in Chianti, Impruneta, Radda in Chianti, San Casciano, Castelnuovo Berardenga e dall’Associazione Culturale Stazione di Posta di Firenze.

    Con l’ideatore del Premio Paolo Codazzi e con il coinvolgimento delle loro biblioteche.
    Sponsor della manifestazione è il Rotary San Casciano Chianti.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...