spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Casciano: i carabinieri forestali sequestrano un automezzo per gestione illeciti di rifiuti speciale

    Hanno intercettato sulla strada comunale di via Grevigiana un autocarro marca Iveco Daily, che trasportava rifiuti derivanti da demolizione edile

    SAN CASCIANO – I militari della Stazione carabinieri forestale di San Casciano, nel corso di un servizio mirato alla gestione (raccolta/trasporto) di rifiuti, hanno intercettato sulla strada comunale di via Grevigiana, in direzione San Casciano, un autocarro marca Iveco Daily che trasportava rifiuti derivanti da demolizione edile.  

    Il carico consisteva in rifiuti speciali non pericolosi, classificati inerti, derivanti da attività di demolizione/ricostruzione di lavori edili, per un quantitativo stimato di circa 1.000 chilogrammi.

    Fatti i relativi accertamenti, con l’utilizzo di strumentazione tecnologica e consultazione di banche dati, l’automezzo risultava non avere la necessaria iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali per il trasporto di questi rifiuti.

    Lo stesso veicolo non risultava inserito in alcuna autorizzazione riguardante questa tipologia di attività, comprensiva degli estremi identificativi e dell’idoneità tecnica del mezzo utilizzato per il trasporto.

    Alla luce di quanto accertato, l’attività si configurava come attività di gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi, sanzionata dall’art. 256 comma 1 lettera a) del D. L.gs 152/06 (Testo Unico Ambientale).

    I militari pertanto hanno provvisto ad effettuare il sequestro penale preventivo del veicolo e dei rifiuti.

    E a segnalare all’autorità giudiziaria il trasportatore ed il titolare della ditta.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...