spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 2 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il laboratorio di Sugherificio Molinas: uno strumento al servizio del successo delle cantine

    Un team di esperti effettua diverse tipologie di analisi, in modo che la materia prima, i semilavorati, i materiali ausiliari e il prodotto finito possano raggiungere sempre i più elevati standard qualitativi

    Sugherificio Molinas, storica azienda sarda leader nel settore della lavorazione del sughero, da decenni porta avanti l’obiettivo di fornire soluzioni orientate al mercato, all’innovazione e alla qualità.

    Una mission forte e una visione moderna che trovano realizzazione attraverso lo sviluppo tecnologico e le attività di controllo, ricerca e sviluppo all’interno di un laboratorio dedicato.

    Dove un team di esperti effettua diverse tipologie di analisi, in modo che la materia prima, i semilavorati, i materiali ausiliari e il prodotto finito possano raggiungere sempre i più elevati standard qualitativi. 

    Quali analisi vengono fatte nel laboratorio di Sugherificio Molinas?

    Tra le analisi effettuate nel laboratorio di Sugherificio Molinas vi sono: 

    • analisi strumentali, per identificare e quantificare eventuali composti inquinanti attraverso gli strumenti di gascromatografia e spettrometria di massa, installati in laboratorio dal 2001 e rinnovati nel 2022; 
    • analisi sensoriali, svolte da un panel di analisti addestrati per riconoscere le difformità sensoriali dei tappi; 
    • analisi chimico-fisiche e meccaniche, dove strumentazioni specifiche e metodiche consolidate consentono di valutare le uniformità chimiche, fisiche e meccaniche dei tappi agli standard di riferimento nazionali ed internazionali; 
    • le analisi microbiologiche, per preservare i prodotti da qualsiasi rischio e mantenere la qualità del tappo.

    L’insieme dei dati ottenuti da questi test è riportato in un rapporto di analisi che viene inviato al cliente, e la registrazione di tutti i controlli è garantita da un sistema di rintracciabilità certificato.

    Qualità, progresso e… certificazioni!

    In aggiunta ai test di laboratorio, Sugherificio Molinas può vantare l’ottenimento di numerose certificazioni, tra cui la certificazione FSCⓇ (Forest Stewardship Council®) per garantire che le materie prime provengano da foreste gestite responsabilmente secondo i principali standard ambientali. 

    Altre certificazioni ottenute sono: il Certificato ISO 9001 per la produzione e finitura di tappi in sughero, il Certificato ISO 22000 e il certificato BRC per la gestione della sicurezza alimentare e il Certificato MOCA che attesta la conformità al contatto con alimenti.

    Ricerca e sviluppo si concretizzano anche nei processi di brevettabilità delle conoscenze acquisite.

    Tra questi ritroviamo il Trattamento Genesis®, un sistema innovativo per l’eliminazione del TCA (Tricloroanisolo, la classica sostanza che conferisce al vino il sentore di tappo), sfruttando l’azione del vapore.

    Un processo industriale che opera su parametri chimico-fisici per dinamizzare i composti volatili senza alterare le caratteristiche strutturali del tappo e senza alcun residuo di sostanze chimiche. 

    Cosa riserva il futuro di Sugherificio Molinas?

    Ma non finisce qui. Il percorso di ricerca continua con uno studio su Pondus®, un tappo innovativo con selezione individuale ponderale nato per la prima volta nel 1987.

    Oggi Sugherificio Molinas punta ad avviare un nuovo progetto di ricerca che coinvolgerà numerose cantine italiane, con l’obiettivo di osservare in laboratorio il peso specifico ottimale per garantire la miglior maturazione possibile del vino, grazie a tecniche basate sulla oxi-luminescenza. 

    Scopri di più su molinas.it.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...