spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lavoro in Toscana, le principali posizioni aperte per il 2024

    Andando nel concreto, quali sono le figure professionali più ricercate in Toscana? Andiamo a scoprirlo...

    Si apre un nuovo anno e, come sempre in questo periodo, è tempo di bilanci e previsioni, anche nel campo del lavoro.

    Il mondo dell’occupazione è estremamente complesso in Italia, anche nella regione Toscana che comunque, rispetto ad altre aree d’Italia, parte avvantaggiato.

    Un recente studio commissionato dalla Regione sul divario scuola-imprese ha evidenziato come, in Toscana, i ragazzi siano sempre meno preparati al mercato del lavoro rispetto a qualche anno fa.

    Si parla soprattutto di scarsa competenza tecnica anche se provengono da studi specifici in materia.

    Tutto ciò porta ad una situazione inverosimile secondo quanto affermano gli imprenditori locali: le aziende non riescono a trovare personale perché la preparazione dei giovani, appena diplomati o neolaureati, talvolta non è all’altezza dell’incarico che dovrebbero andare a ricoprire.

    Le figure maggiormente richieste in Toscana

    Andando nel concreto, quali sono le figure professionali più ricercate in Toscana? La regione è una delle più importanti per il turismo, quel comparto quindi vede una notevole richiesta da parte delle aziende impegnate a livello professionale.

    Di pari passo si registra poi una grande richiesta nel settore enogastronomico ed in quello dei servizi sanitari.

    La Toscana è stata la culla del Rinascimento italiano e il luogo in cui è nata la lingua italiana; qui si trovano diversi siti patrimonio UNESCO che attirano turisti da tutto il mondo.

    A questo si aggiunge un’ampia varietà di prodotti agroalimentari di alta qualità, tra cui sedici prodotti DOP e quindici IGP.

    Infine, il settore sanitario: la Toscana offre prestazioni sanitarie di alto livello, posizionandosi al secondo posto nella classifica LEA per il livello di erogazione dei servizi di assistenza. Per queste ragioni ci sono tante richieste, soprattutto per lavoro di infermiere in Toscana.

    Il settore industriale e le nuove tecnologie

    Il settore industriale è in forte crescita in Toscana ed offre opportunità di lavoro per persone con competenze tecniche e ingegneristiche; a questo si affianca il comparto della pubblica amministrazione che offre opportunità di lavoro per persone con competenze amministrative e tecniche.

    Se si parla di settori occupazionali poi non può essere tralasciato il settore delle nuove tecnologie, in forte espansione a livello globale. Il campo delle tecnologie recenti e innovative, soprattutto, multimediali, offre opportunità di lavoro per persone con competenze digitali: dagli sviluppatori software ai web designer passando esperti di marketing digitale e data scientist.

    A livello territoriale le opportunità di lavoro in Toscana si concentrano principalmente nelle grandi città, come Firenze, Pisa, Livorno e Siena: tuttavia, anche le aree interne della regione stanno registrando una crescita dell’occupazione, grazie alla valorizzazione dei territori e alla nascita di nuove imprese legate soprattutto al mondo del turismo.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...